Friday, November 27, 2020
Home Divertimento A casa: 11 programmi TV dimostrano che gli scrittori televisivi si stanno...

A casa: 11 programmi TV dimostrano che gli scrittori televisivi si stanno abbuffando

spettacoli televisivi
Credito d’immagine:

Con il coronavirus che ha chiuso la maggior parte delle produzioni, i produttori di TV sono ora principalmente osservatori TV, rinchiusi in casa con il tempo a disposizione, indulgendo in rilassanti re-orologi e aggiungendo nuove scoperte alle loro code. (Showrunner: sono proprio come noi!) Dai pezzi d’epoca ai thriller stranieri, ecco cosa 11 di loro sono sconclusionati.

Liz Feldman sta guardando “Troppo caldo da gestire”

Troppo caldo da gestire

Liz Feldman aveva programmato di fare un viaggio dopo aver finito di lavorare alla stagione più recente di “Dead to Me”, nella speranza di suscitare ispirazione creativa. Ma ora, bloccato a casa durante una pandemia, lo scrittore TV vincitore dell’Emmy ha scoperto la prossima migliore fuga: “Troppo caldo da gestire”.

Girato sulle spiagge di Punta Mita, in Messico, e interpretato da un cast di concorrenti scarsamente vestiti, lo spettacolo di incontri Netflix è diventato la nuova ossessione di Feldman. “Sono quasi incline a pensarci”, ha detto. “In passato ero un po ‘snob nei confronti del reality.”

Liz Tigelaar sta guardando “Patria”

Hot-Patria-1549004239302

Liz Tigelaar è stata una scrittrice di “Nashville” e “Casual”, tra gli altri spettacoli, prima di creare l’adattamento letterario di alto profilo di Hulu “Little Fires Everywhere”.

Nel suo tempo libero, di solito le piace immergersi in nitide commedie con una sola telecamera come “Better Things”, “Fleabag” e “Catastrophe”, ma quelle non l’hanno fatto per lei ultimamente. Invece, si è rivolta all’alto dramma e alla posta in gioco mortale di “Patria”.

“In realtà mi diverto a essere risucchiato in qualcosa di più grande di quello che stiamo attraversando”, ha detto Tigelaar.

Gli sceneggiatori sanno davvero come “uscire una stagione”, ha detto, e renderla “così intrigante, piena di azione e avvincente”. Ha temuto l’episodio finale dello show, andato in onda il 26 aprile, e potrebbe ricominciare da capo ora che è finito, ha detto.

Tigelaar ha lavorato con lo showrunner di “Homeland” Alex Gansa durante il suo primo lavoro televisivo, nel film per adolescenti “Dawson’s Creek”.

“Chi avrebbe mai pensato: Joey Potter a Carrie Mathison”, ha detto. “Che viaggio!”

Dan Levy guarda “Terrace House”

Case a schiera

Case a schiera
Credito di immagine: Netflix

Dan Levy ha creato “Schitt’s Creek” con suo padre, Eugene, ed è stato showrunner, star, scrittore e regista occasionale per l’amata commedia canadese, che ha concluso la sua ultima stagione in aprile.

Durante la produzione, si prendeva delle pause mentali arando attraverso la televisione criminale britannica (“Happy Valley”, “Broadchurch”, “Sherlock”). Ora sta trovando un nuovo tipo di respiro con la serie di appuntamenti giapponese “Terrace House”.

“È un reality show su sei giovani uomini e donne che condividono una casa o un appartamento con l’intenzione di accoppiarsi, ed è molto lento in un modo che è incredibilmente calmante per me”, ha detto Levy. “Sono passato, penso, a 36 episodi in una sola stagione e nessuno di loro si è nemmeno baciato.”

Levy ha avvertito che lo spettacolo impiega un po ‘per iniziare. “All’inizio non sai davvero cosa sta succedendo – sono solo sei le persone che hanno chiacchiere per un intero episodio”, ha detto. Ma il risultato è gratificante.

“C’è un calore e una generosità nell’esperienza di ciò che accade in quella casa”, ha detto. “È stato davvero un bel posto sicuro sapendo che alla fine della notte, posso sempre tornare da queste persone.”

Dahvi Waller sta guardando “Schitt’s Creek”

Schitt's Creek
Credito d’immagine:

Il curriculum di Dahvi Waller comprende “Desperate Housewives” e “Mad Men”, oltre a “Mrs. America”, la sua nuova miniserie FX acclamata dalla critica. “Mrs. America” ​​racconta la battaglia della vita reale sull’emendamento sulla parità dei diritti e l’anima del femminismo. Ma quando arrivò il momento di ripararsi sul posto, preferì il lato più leggero della televisione.

“Non volevo nulla di troppo realistico o distopico”, ha detto. “Sto decisamente cercando una via di fuga.”

Waller ha scoperto “Schitt’s Creek” durante la quarantena ed è contento di averlo fatto. “Prima di tutto, vengo dal Canada, quindi guardare uno spettacolo girato in Canada è molto confortante”, ha detto. “È anche così divertente.”

“Puoi digerire tre o quattro a notte”, ha aggiunto. “Mi farà davvero passare.”

Liz Meriwether sta guardando “Little Drummer Girl”

Little Drummer Girl
Credito d’immagine:

Liz Meriwether ha fatto la sua apparizione in TV come la creatrice, scrittrice e produttrice di “New Girl” e ha continuato a dirigere “Bless This Mess” della ABC, una commedia sugli sposi che si trasferiscono da New York City in una piccola città del Nebraska.

Prima della pandemia, ogni volta che lavorava e si ritrovava a perdere il vapore comico, si sintonizzava con i talk show a tarda notte per ottenere la giusta mentalità. In questi giorni, il suo consumo televisivo si è trasformato in una dieta costante di “lussureggianti adattamenti della miniserie della BBC di romanzi e drammi spia oscuri e lunatici”.

Meriwether vuole un intrattenimento che la trasporta in un altro momento e luogo, come “Little Drummer Girl”, la miniserie AMC basata sul romanzo di John le CarrE, e “Deutschland 83”, il thriller Sundance su una spia sotto copertura che vive nella Germania occidentale del 1983.

“Un buon dramma spia è sempre un po ‘solo; la spia vive con un segreto che lo separa dal resto del mondo”, ha detto Meriwether. “Invece di voler guardare una commedia in cui posso fingere che tutto sia felice e bello, mi sembra di voler guardare qualcosa che mi incontra dove sono – un po ‘solo e triste.”

Dan Goor sta guardando “Money Heist”

Furto di denaro

Furto di denaro
Credito di immagine: Netflix

Dan Goor ha iniziato a scrivere a tarda notte (“The Daily Show With Jon Stewart”, “Late Night With Conan O’Brien”) e si è trasferito in una sceneggiatura televisiva, dove ha scritto per “Parks and Recreation” e ha co-creato “Brooklyn” nove-nove.”

Quando non tiene riunioni virtuali nella stanza degli scrittori per l’ottava stagione di “Brooklyn Nine-Nine”, Goor viene coinvolto nel mondo di “Money Heist” di Netflix, in cui un gruppo di ladri di ladri ruba la zecca reale di Spagna.

“La trama è fantastica, i calci piazzati sono fantastici, i cliffhangers davvero eccellenti”, ha detto. “Lo guardo mentre cammino su un tapis roulant. Fa andare avanti la tua frequenza cardiaca.”

Per una tariffa più leggera, Goor ha abbuffato “30 Rock” con la figlia maggiore, che sta scoprendo lo spettacolo. “È davvero divertente guardarlo attraverso gli occhi”, ha detto. “Avevo dimenticato quei primi episodi, e sono fantastici.”

Greg Berlanti sta guardando “Alone”

Solo netflix
Credito d’immagine:

È un cliché chiamare qualcuno “la persona che lavora più duramente nel mondo dello spettacolo”, ma se qualcuno ha una pretesa legittima sul titolo, è Greg Berlanti. Produttore esecutivo di oltre 20 spettacoli, ha anche crediti di scrittura recenti in spettacoli come “You”, “Titans” e “All American” ed è responsabile per il tentacolare Arrowverse della CW, incluso il conclusivo “Arrow”, “The Flash” e “DC’s Legends of Tomorrow”, tra le altre serie.

Quindi è sorprendente scoprire che ci sono angoli della televisione in cui non si è mai avventurato prima. Vale a dire: reality show di sopravvivenza.

“Il mio compagno e io abbiamo visto ogni stagione di ‘Alone'”, ha detto, “I sopravvissuti vengono collocati in un posto orribile e solo e vediamo per quanto tempo possono sopravvivere al di fuori di tutto ciò che possono cercare.”

Berlanti consiglia di iniziare con la seconda stagione, la sua preferita, che presenta “un finale davvero emozionante”.

Ha terminato la serie e gli algoritmi di streaming hanno iniziato a offrire tariffe più oscure per la realtà; Berlanti è passato a “60 Days In”, sulle persone che vanno sotto copertura nelle carceri.

“Stiamo cercando di essere presi dalle cose, nella sua forma più pura”, ha detto Berlanti. “Roba che può effettivamente fare il lavoro di farci dimenticare per un minuto o due.”

Courtney A. Kemp sta guardando “Troppo caldo da gestire”

Courtney A. Kemp ha iniziato a scrivere in televisione per “The Bernie Mac Show” e ha continuato a lavorare su “The Good Wife” prima di creare la popolare saga del crimine di Starz “Power”. Di solito non è una persona della reality, ma oggigiorno sta facendo un’eccezione.

“Too Hot to Handle” è qualcosa che mi è stato consigliato da un amico, e l’ho mangiato “, ha detto.” È il miglior stupido reality show per questo particolare momento “.

Il concetto è adatto per la nostra era socialmente distanziata: le persone attraenti che di solito fanno prima sesso e fanno domande in seguito vengono riunite e quindi proibito di toccarsi.

“Devono lottare con il tentativo di relazionarsi l’un l’altro senza il linguaggio universale, ed è piuttosto sorprendente”, ha detto Kemp. “Se sei uno scrittore, preparati per alcuni grandi dialoghi.”

Alec Berg sta guardando “Tiger King”

TAB 200427 Tiger King-1587972602821

Tiger King
Credito d’immagine: per gentile concessione di NETFLIX

Come creatore, con Bill Hader, di “Barry” della HBO, Alec Berg ha trascorso due stagioni a tessere commedie di omicidi, gangster ceceni sensibili e almeno un giovane artista marziale selvaggio. Ma anche lui rimase sbalordito da ciò che vide in “Tiger King”.

“Che serraglio di pazzi – è stato fantastico”, ha detto. “Stanno parlando di renderlo una serie drammatica limitata e io sono un po ‘come, cosa fai per renderlo più avvincente di quanto non fosse già?”

Berg, che ha trascorso gran parte della sua carriera scrivendo e producendo acclamate sitcom (“Silicon Valley”, “Curb Your Enthusiasm”, “Seinfeld”) ha anche trovato il tempo di finire finalmente di guardare il regista vincitore dell’Emmy in TV per la migliore commedia “Fleabag”. È stato il raro spettacolo in cui si è trovato abbuffato, ha detto, grazie al suo ritmo eccezionale e alla performance di Phoebe Waller-Bridge.

“Per quanto sia deprimente andare agli Emmy e perdere ogni dannato anno come me”, ha detto, “perdere con quello show non mi ha disturbato affatto”.

Nell Scovell sta guardando “Kingdom”

Regno

Regno
Credito di immagine: Netflix

Sebbene in questi giorni trascorra più tempo a scrivere articoli e libri, Nell Scovell è meglio conosciuta come scrittrice di commedie televisive i cui crediti includono “Late Night With David Letterman”, “Murphy Brown”, “The Muppets” e “Monk”.

Ma la sua visione della scelta tende ad essere thriller. In questo momento significa “Furto di denaro” e “Regno”, una serie sudcoreana che parla di una pestilenza di zombi e di una battaglia per il trono.

“Guardo la TV solo quando mi alleno – questa è la mia regola”, ha detto. “Preferisco gli spettacoli con molta azione, suspense e poco dialogo.”

La stagione più recente di “Kingdom” è stata più soddisfacente della stagione finale di “Game of Thrones”, ha aggiunto, e “Money Heist” è lo spettacolo perfetto per distrarre da una sessione di bici estenuante.

“Pedalate e stanno abbattendo le porte della banca in Spagna”, ha detto. “La trama è solo barili.”

Tanya Saracho sta guardando “Lovesick”

malato d'amore

malato d’amore
Credito di immagine: Netflix

Tanya Saracho ha scritto per “Devious Maids” e “How to Get Away With Murder” prima di creare il dramma della famiglia Starz “Vida”, che ha appena iniziato la sua terza e ultima stagione.

Quando sta scrivendo il suo show, Saracho fa uno sforzo consapevole per non lasciarsi andare a guardare la TV. “Voglio solo ascoltare il mio mondo e i miei personaggi”, ha detto. Durante la pandemia, sta recuperando tutto ciò che le mancava. Prima di tutto, la commedia britannica “Lovesick”. “Ho visto tutte e tre le stagioni”, ha detto. “Sono solo tre amici, sfortunati e incapaci.”

Successivamente, si è tuffata in “Feel Good”, una serie semiautobiografica scritta e interpretata da Mae Martin. “È adorabile, anche nei bordi scuri”, ha detto, definendo Martin “luminoso”.

“Non abbiamo molti lead maschili al centro”, ha aggiunto. “Cerco sempre quell’immagine di stranezza nei media.” Saracho è stata attenta al tipo di contenuto che ha consumato di recente. “All’inizio, tutti mi dicevano, guarda ‘Tiger King’, ‘guarda’ Devs. ‘ Ero tipo, aspetta, non voglio scivolare nell’oscurità “, ha detto. “Sono solo con solo due gatti e ho bisogno di leggerezza.”

News Hat
Newshat.net is an Italian News and Media Website. Here you get Worldwide News on Sports, Entertainment, Corona Virus, Crime, Hollywood and Bollywood in the Italian Language.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments