Sunday, October 25, 2020
Home Corona Virus Aggiornamenti live di Coronavirus: al termine delle protezioni degli affittuari, preoccupati per...

Aggiornamenti live di Coronavirus: al termine delle protezioni degli affittuari, preoccupati per una “valanga di sfratti”

Gli affittuari sono entrati in una pandemia svantaggiata e ora le leggi che li tutelano stanno scadendo.

Gli Stati Uniti, già alle prese con un collasso economico che non si vede in una generazione, sono sul precipizio di una crescente crisi di sfratti, mentre le protezioni e i pagamenti estesi a milioni di persone senza lavoro iniziano a esaurirsi.

Molti hanno raschiato grazie all’assistenza temporanea del governo e agli ordini di emergenza che hanno bloccato molti sfratti. Ma gli sfratti saranno presto autorizzati in circa la metà degli stati, secondo Emily A. Benfer, esperta di alloggi e professore associato alla Columbia Law School che sta monitorando le politiche di sfratto.

“Penso che entreremo in una grave crisi degli affittuari e molto rapidamente”, ha detto il professor Benfer. Senza un nuovo round di intervento del governo, ha aggiunto, “avremo una valanga di sfratti in tutto il paese”.

Ciò significa che sempre più famiglie potrebbero presto affrontare lo sfollamento in un momento in cui le persone sono ancora invitate a rimanere a casa.

In molti luoghi, la minaccia è già iniziata. La Corte Suprema del Texas ha recentemente dichiarato che gli sfratti potrebbero ricominciare. Nella zona di Oklahoma City, sceriffi si scusò annunciato che hanno pianificato di iniziare a far rispettare gli avvisi di sfratto questa settimana. E una manciata di stati aveva poche protezioni a livello statale per cominciare, lasciando i residenti particolarmente vulnerabili mentre i casi di sfratto si accumulavano.

I profitti del primo trimestre sono diminuiti al tasso più veloce in oltre un decennio e agli analisti non piace quello che vedono arrivare. In realtà, pensano che le cose peggioreranno prima di migliorare e hanno rivisto di conseguenza le loro previsioni. Tuttavia gli investitori continuano a spingere le azioni verso l’alto.

Qualsiasi sezione del libro di testo finanziario sui prezzi azionari sostiene che la direzione del mercato azionario è determinata, in larga misura, dagli utili e dai dividendi che gli azionisti si aspettano che le società producano in futuro. E la ricerca accademica ha ripetutamente dimostrato che quando gli analisti di Wall Street rivedono le loro previsioni per i profitti di un’azienda, può spostare i prezzi delle azioni.

Quindi, secondo la saggezza convenzionale, l’attuale crollo delle aspettative di profitto – e le previsioni dolorose degli analisti per i guadagni futuri – dovrebbero intasare i prezzi delle azioni. Ma gli investitori non sembrano prendere spunto dagli analisti. L’S & P 500 è aumentato di oltre il 30 percento negli ultimi due mesi.

Il settore era già fragile: a differenza dell’istruzione pubblica, l’industria dell’infanzia opera quasi interamente sui pagamenti delle tasse private e la maggior parte dei fornitori è a malapena redditizia. Con le chiusure a causa del coronavirus, molti non possono continuare a pagare proprietari o insegnanti.

Ora che più stati stanno permettendo per riaprire i centri di assistenza all’infanzia, quelli che sono sopravvissuti affrontano spese più elevate a causa di regole aggiuntive sull’igiene e nuovi limiti, come non più di 10 bambini per classe. In alcuni casi, l’iscrizione è in calo perché i genitori non possono più permettersi di pagare o perché sono preoccupati per i rischi per la salute.

“Non puoi davvero parlare di riapertura dell’economia senza una discussione su come i bambini si prenderanno cura di loro”, ha affermato la rappresentante Rosa DeLauro del Connecticut, uno degli sponsor principali di un disegno di legge – che verrà presentato oggi alla Camera – che spenderebbe $ 50 miliardi per coprire le spese operative, le nuove misure di sicurezza e il sussidio scolastico per le famiglie. “Non possiamo lasciare che questa pandemia torni indietro alla prossima generazione.”

I leader repubblicani della Camera hanno citato in giudizio martedì il presidente Nancy Pelosi e alti funzionari del Congresso per impedire alla Camera dei Rappresentanti di utilizzare un sistema di voto per procura a distanza istituito dai democratici per consentire legiferare a distanza durante la pandemia, definendolo incostituzionale, secondo tre funzionari che hanno familiarità con piani.

I democratici delle case hanno pianificato di utilizzare le procedure per la prima volta oggi, quando la camera prenderà in considerazione la legislazione per allentare i termini di un programma di prestiti per le piccole imprese.

In una causa che nomina l’impiegato e il sergente d’armi della Camera come imputati, il rappresentante della minoranza della California, Kevin McCarthy, e circa altri 20 repubblicani sostengono che le nuove regole che consentano ai legislatori di votare da lontano tra l’epidemia di coronavirus sarebbero fine del Congresso come previsto dai fondatori della nazione, Nicholas Fandos e Michael Schmidt riferiscono.

News Hat
Newshat.net is an Italian News and Media Website. Here you get Worldwide News on Sports, Entertainment, Corona Virus, Crime, Hollywood and Bollywood in the Italian Language.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments