Monday, September 21, 2020
Home Corona Virus Alfredo e Susana Pabatao Die; Assistenti sanitari in prima linea

Alfredo e Susana Pabatao Die; Assistenti sanitari in prima linea

Questo necrologio fa parte di una serie di persone che sono morte nella pandemia di coronavirus. Leggi di altri Qui.

Sia Alfredo che Susana Pabatao, che erano sposati da 44 anni, lavorarono in prima linea nella lotta contro il coronavirus – lui come aiutante di trasporto in un ospedale a North Bergen, nel New Jersey, come assistente infermiera in una casa di cura vicina.

Il 26 marzo, il signor Pabatao è morto per il virus all’ospedale dove ha lavorato, Hackensack Meridian Health Palisades Medical Center. Aveva 68 anni.

Quattro giorni dopo, la signora Pabatao, anch’essa infetta dal virus, morì nello stesso ospedale. Lei aveva 64 anni.

Sheryl Pabatao, una delle loro figlie, ha detto che sua madre sarebbe probabilmente morta il giorno in cui avesse saputo del destino di suo marito se non fosse stata messa su un tubo respiratorio. Ben prima di ammalarsi, sua madre aveva firmato una direttiva sulla salute dicendo che in caso di emergenza non voleva essere rianimata, disse sua figlia, ma era in archivio in un altro ospedale. Quando i soccorritori l’hanno trovata svenuta sul pavimento, i medici hanno inserito il tubo per tenerla in vita.

Ma la signora Pabatao ha resistito, cercando così spesso di rimuovere il tubo da dover essere sedata. “Ha detto:” Non riesco a respirare, non posso più farlo “, ha detto sua figlia.

La signora Pabatao e i suoi quattro fratelli si trovarono quindi di fronte a una scelta lancinante: se onorare la direttiva della madre e chiedere ai medici di rimuovere il tubo o di tenerla in vita contro i suoi desideri. Hanno deciso di non rimuoverlo.

“Mio padre era appena morto quella mattina”, ha detto la signora Pabatao. “Volevamo che lei combattesse. Ma lei voleva stare con lui. “

Dr. Dilip Jeste, uno psichiatra geriatrico presso l’Università della California, San Diego, in un’intervista ha affermato che i partner a lungo termine che muoiono in breve tempo l’uno dall’altro sono un fenomeno osservato a lungo, ma che rimane poco compreso.

Dato che il coronavirus è così contagioso, ha detto, non sorprende che più partner sembrino morire quasi in tandem. Ma non ha escluso che una componente psicologica o emotiva potrebbe svolgere un ruolo.

La signora Pabatao ha visto quel componente al lavoro, ha detto.

I suoi genitori erano stati inseparabili. Entrambi sono nati e cresciuti nello stesso quartiere di Quezon City, nelle Filippine. Susana Galapate proveniva da un background modesto, figlia di una mano stabile, mentre Alfredo era il figlio di un rivenditore di abbigliamento di successo.

Si innamorarono e, contro i desideri della sua famiglia, si sposarono nel 1976. Avevano cinque figli. Nel 2001, la coppia e i tre più giovani emigrarono negli Stati Uniti, stabilendosi a Palisades Park, nel New Jersey. Sono diventati cittadini americani più di un decennio fa.

Dopo la malattia colpita alla fine di marzo e la morte di suo padre, la signora Pabatao ha detto che lei e i suoi fratelli hanno capito quanto sua madre voleva stare con suo padre.

“All’inizio, ero arrabbiato con mia madre per aver voluto lasciarci”, ha detto. “Ho pensato che non fosse giusto – come ha potuto lasciare cinque di noi per stare con un marito?”

A causa delle restrizioni del coronavirus in ospedale, ogni genitore è morto da solo, su un piano separato, i bambini fuori dalla portata.

“Per quanto sia doloroso, lo vedo come una grande storia d’amore”, ha detto la signora Pabatao. “Non potevano vivere l’uno senza l’altro.”

News Hat
Newshat.net is an Italian News and Media Website. Here you get Worldwide News on Sports, Entertainment, Corona Virus, Crime, Hollywood and Bollywood in the Italian Language.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments