Tuesday, October 20, 2020
Home Corona Virus Approcci diversi a un vaccino contro il coronavirus

Approcci diversi a un vaccino contro il coronavirus






RNA per il

proteina del picco

RNA per il

proteina del picco

RNA per

il picco

proteina


Gli scienziati stanno sviluppando più di 100 vaccini contro il coronavirus usando una serie di tecniche, alcune delle quali sono ben consolidate e altre non sono mai state approvate per uso medico prima.

La maggior parte di questi vaccini prende di mira le cosiddette proteine ​​del picco che coprono il virus e lo aiutano a invadere le cellule umane. Il sistema immunitario può sviluppare anticorpi che si attaccano alle proteine ​​dei picchi e fermano il virus.

Un vaccino di successo per il coronavirus SARS-CoV-2 insegnerebbe al sistema immunitario delle persone a produrre anticorpi contro il virus senza causare malattie.

Vaccini contro virus interi

Vaccini che modificano l’intero coronavirus per provocare una risposta immunitaria.


Vaccini inattivati ​​e attenuati dal vivo

La maggior parte dei vaccini in uso oggi incorpora una forma inattivata o indebolita di un virus che non è in grado di causare malattie. Quando le cellule immunitarie le incontrano, producono anticorpi.

Produrre questi vaccini significa crescere virus – e molti di loro. I vaccini antinfluenzali vengono generalmente coltivati ​​nelle uova di gallina e altri vaccini vengono coltivati ​​in vasche piene di cellule galleggianti. Queste procedure possono richiedere mesi per produrre un lotto di nuovi vaccini.

ESEMPI:
I vaccini convenzionali per influenza, varicella, morbillo, parotite e rosolia rientrano tutti in questa categoria.

AZIENDE SVILUPPANDO VACCINI SARS-COV-2:
Sinovac e altri.

Vaccini genetici

Vaccini che usano parte del codice genetico del coronavirus.





DNA per il

proteina del picco

DNA per il

proteina del picco

DNA per il

proteina del picco


Vaccini a DNA

Un certo numero di vaccini sperimentali per coronavirus non rilasciano virus interi. Forniscono invece istruzioni genetiche per la costruzione di una proteina virale. La proteina può quindi stimolare il sistema immunitario a produrre anticorpi e aiutare a montare altre difese contro il coronavirus.

Uno di questi approcci genetici è noto come un vaccino a DNA. Un cerchio di DNA ingegnerizzato viene consegnato nelle cellule. Le cellule leggono il gene virale, ne fanno una copia in una molecola chiamata RNA messaggero e quindi usano l’mRNA per assemblare le proteine ​​virali. Il sistema immunitario rileva le proteine ​​e monta le difese.

Prototipo di vaccini a base di DNA basati su scimmie a spike protette dal coronavirus.

ESEMPI:
I vaccini a DNA sono stati approvati per casi veterinari come il melanoma canino e il virus del Nilo occidentale nei cavalli. Non esistono vaccini a DNA approvati per l’uso nell’uomo, ma i ricercatori stanno conducendo prove per vedere se potrebbero essere efficaci per malattie come Zika e influenza.

AZIENDE:
Inovio e altri.


Vaccini RNA

Alcuni ricercatori vogliono saltare il DNA e invece consegnare l’RNA messaggero nelle cellule. Le cellule leggono l’mRNA e producono proteine ​​di picco che provocano una risposta immunitaria.

La società biotecnologica Moderna ha recentemente completato un piccolo studio sulla sicurezza con otto volontari che hanno mostrato risultati promettenti in anticipo contro il coronavirus.

Entrambi i vaccini RNA e DNA possono essere prodotti più rapidamente rispetto ai metodi tradizionali.

ESEMPI:
Non ci sono vaccini approvati per l’RNA, ma sono in sperimentazione clinica per MERS e altre malattie.

AZIENDE:
Moderna, Pfizer e BioNTech, CureVac e altri.

Vaccini virali vettoriali

Vaccini che usano un virus per trasportare i geni del coronavirus nelle cellule.


Vaccini che utilizzano Adenovirus o altri virus

I virus sono molto bravi a entrare nelle cellule. Dagli anni ’90, i ricercatori hanno studiato come usarli per fornire geni nelle cellule per immunizzare le persone contro le malattie.

Per creare un vaccino contro il coronavirus, diversi team hanno aggiunto il gene della proteina spike a un virus chiamato adenovirus. L’adenovirus si insinua nelle cellule e scarica il gene. Poiché l’adenovirus manca di uno dei suoi geni, non può replicarsi ed è quindi sicuro.

ESEMPI:
Numerosi vaccini con virus vettoriali sono usati per vaccinare animali contro la rabbia e il cimurro. Johnson & Johnson ha sviluppato H.I.V. e vaccini contro l’Ebola usando un adenovirus. Entrambi si sono dimostrati sicuri nell’uomo e sono ora in studi di efficacia.

AZIENDE:
Johnson & Johnson, CanSino, Università di Oxford e altri.

Vaccini a base di proteine

Vaccini che usano una proteina coronavirus o un frammento proteico.


Vaccini anti-virus

Alcuni vaccini sono particelle che contengono pezzi di proteine ​​virali. Non possono causare malattie perché non sono virus reali, ma possono comunque mostrare al sistema immunitario l’aspetto delle proteine ​​del coronavirus.

ESEMPI:
Il vaccino per l’HPV rientra in questa categoria.

AZIENDE:
Medicago, Doherty Institute e altri.


Vaccini ricombinanti

Il lievito o altre cellule possono essere progettati per trasportare il gene di un virus e vomitare proteine ​​virali, che vengono quindi raccolte e immesse in un vaccino. Un vaccino contro il coronavirus di questo tipo conterrebbe proteine ​​intere appuntite o piccoli pezzi di proteine.

ESEMPI:
Questa categoria include alcuni vaccini per l’herpes zoster e l’epatite B.

AZIENDE:
Novavax e altri.

Fonti: Organizzazione mondiale della sanità, Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive, Centro nazionale per le informazioni biotecnologiche, NEJM

News Hat
Newshat.net is an Italian News and Media Website. Here you get Worldwide News on Sports, Entertainment, Corona Virus, Crime, Hollywood and Bollywood in the Italian Language.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments