Thursday, October 22, 2020
Home Corona Virus Cinque artisti da seguire su Instagram ora

Cinque artisti da seguire su Instagram ora

Ho una confessione: trovo che guardare l’arte su un computer sia generalmente insoddisfacente. In realtà non è colpa di nessuno, ma le immagini digitali non catturano la complessità di vedere un’opera di persona, soprattutto se si tratta di un oggetto tridimensionale. Anche la qualità della mia attenzione è diversa. Mentre posso passare diverse ore a visitare le gallerie con solo sporadici controlli del mio telefono, sono incline ad aggiornare la mia e-mail ogni cinque minuti mentre provo a visualizzare qualsiasi cosa in un browser, specialmente ora, quando la pandemia ha aumentato la mia ansia e la mia distrazione.

Tutto ciò rende Instagram uno dei migliori veicoli per connettermi con l’arte in questi giorni. Poiché si tratta di un’app per social media, non richiede un grande impegno di tempo o energia, ma è anche una piattaforma visiva già piena di artisti e creatori che pubblicano immagini del loro lavoro, ispirazioni, animali domestici e altro ancora. Quando apro Instagram, potrei vedere una mini lezione di storia seguita da un meme e quindi una performance. È probabile che rimarrò colpito dalla creatività di qualcuno, sia che abbia cotto una torta o abbia fotografato un’ombra proprio così. Il feed apre una serie di piccole finestre sulla vita e sulle menti delle altre persone – qualcosa che ho sempre fatto affidamento sull’arte da fare e che, in un periodo di isolamento, mi fa sentire meno solo.

Sin da quando è iniziata la crisi, ho pensato all’importanza della comunità: quanto abbiamo bisogno di altre persone, anche se siamo fisicamente separati. L’artista Lu Zhang e suo marito, Herb Tam, curatore e direttore delle mostre al Museo del cinese in America, hanno ospitato quello che chiamano Virtual Studio Visit Loop, una serie di conversazioni con creatori culturali che ammirano su Instagram Live sulle realtà della vita e del lavoro attraverso la pandemia. (Alcune interviste sono archiviate Youtube.) Per ogni visita, la coppia realizza anche un lavoro collaborativo con il loro club di pittura P_Lub (che include l’artista Trisha Baga), utilizzando i post sui social media degli ospiti, in particolare le vecchie foto di famiglia, come materiale di partenza. Mentre le conversazioni sono realistiche, i dipinti sono idiosincratici e leggermente surreali. Entrambi riflettono la quantità di cure che vanno al progetto.

CAConrad, un autore che usa il pronome “loro”, scrive (Soma) la poesia tic mettendo in atto rituali “dove essere tutt’altro che presente è quasi impossibile”, come una volta lo ha descritto. Quella capacità di sintonizzarsi profondamente nel mondo è evidente su Instagram, dove CAConrad pubblica una poesia abbinata a una fotografia quasi ogni giorno dalla fine di marzo. Le immagini trovate nella serie, intitolata “Corona Daze”, presentano luoghi vuoti, spesso abbandonati, sia naturali che artificiali, e sembrano appropriati per il nostro momento apocalittico. I testi vanno dalle critiche politiche pungenti a un’ode giocosa a una patata dolce. In un momento in cui non so sempre dare un senso a ciò che sta succedendo, CAConrad funge da veggente malvagio.

Se, come me, hai iniziato a rimediare al riparo per circa due mesi, allora Mandy Cano Villalobos“Sanities and Solitudes” ispirati al coronavirus possono parlarti. Per anni, l’artista ha eseguito spettacoli durazionali in cui svolge un compito ripetitivo con materiali semplici al fine di raggiungere un obiettivo apparentemente inutile (come spostare un tumulo di farina con un cucchiaino). Ora, la signora Villalobos ha concentrato la sua energia ossessiva sulla monotonia di essere bloccato a casa. In un video, strofina una piccola pezza di pavimento con uno spazzolino da denti; in un altro, rompe le bacche individualmente con un martello. Ogni volta, il botto è forte e soddisfacente.

Le gallerie d’arte si stanno adattando alla crisi attuale, con risultati contrastanti. Alcuni stanno provando mostre online; altri sono rimasti in silenzio con la speranza di riaprire in autunno. Finora uno dei miei approcci preferiti è stato quello di Tiger Strikes Asteroid (TSA), una rete di spazi gestiti da artisti che ha dato il via a una serie di spettacoli curati e stampabili: donare qualsiasi importo e ottenere file PDF scaricabili delle immagini, che è possibile stampare e appendere a casa. L’account Instagram mette in evidenza i singoli lavori e le “installazioni” creative delle persone. È un modo intelligente per scuotere il tradizionale formato di visualizzazione e ripensare a come si presenta la vita con l’arte.

Il 19 marzo è apparso un post nel mio feed: Jon Rafman aveva ricominciato senza dubbio il suo progetto più famoso, “Nove occhi di Google Street View, “Una raccolta di strane e provocatorie schermate di scene catturate dalle macchine fotografiche vaganti di Google. Mi è sembrato un tempismo perfetto. Oggi più che mai siamo bloccati a sperimentare il mondo attraverso la lente impersonale della tecnologia aziendale, ma se, come il signor Rafman, dovessimo riformularlo criticamente? Ha anche pubblicato immagini della sua serie “You Are Standing in a Open Field”, che raffigura desktop vertiginosamente ingombra su drammatici paesaggi dipinti. Mentre ci sediamo alle nostre stesse tastiere, sognando il mondo esterno, è sia divertente che doloroso vedere un crollo ineguagliabile della distanza tra realtà e fantasia.

News Hat
Newshat.net is an Italian News and Media Website. Here you get Worldwide News on Sports, Entertainment, Corona Virus, Crime, Hollywood and Bollywood in the Italian Language.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments