Sunday, September 27, 2020
Home Giochi Come costruire un PC da gioco nel 2020

Come costruire un PC da gioco nel 2020

Il PC è la piattaforma di gioco più potente in circolazione, con il potenziale per risoluzioni più elevate, frame rate più veloci e grafica migliore rispetto alle console attuali. Può essere molto allettante costruire il tuo PC da gioco, ma se non sai da dove cominciare, può anche essere abbastanza intimidatorio e spegnerti completamente. Per fortuna, non deve essere così. I PC sono molto più facili da costruire rispetto al passato e, sebbene non sia facile come mettere insieme un’astronave Lego, non devi averne paura.

Ecco perché abbiamo messo insieme questa guida semplice su come costruire un PC da gioco. È destinato a coloro che sono un po ‘diffidenti a costruire il loro primo PC o hanno solo bisogno di un piccolo aggiornamento dei passaggi per farlo. Tratteremo di tutto, dalla fase di preparazione e raccolta delle parti alla costruzione attuale e oltre. Naturalmente, a causa dell’attuale pandemia, molti negozi online stanno riscontrando carenze di prodotti e ritardi nelle spedizioni, quindi assicurati di controllare la data di consegna stimata quando ordini da negozi come Newegg o Amazon.

La scelta effettiva delle parti può essere scoraggiante, soprattutto quando si tiene conto della compatibilità e del consumo di energia. Ci sono molte cose da considerare, in parte perché molti dei tuoi componenti possono fare affidamento sul fatto che la tua CPU proviene da Intel o AMD. Per fortuna, Selezione parti PC è una risorsa inestimabile a cui dovresti assolutamente fare riferimento quando crei un PC. Abbiamo utilizzato il sito Web per costruire il nostro rig e consigliamo vivamente di usarlo per il tuo. Rende facile rimanere nel budget e ti consente di sapere se i tuoi componenti sono compatibili tra loro – ti darà anche suggerimenti in caso di problemi con le parti scelte.

Fortunatamente, non hai bisogno di molti strumenti o parti extra per costruire il tuo PC – quasi tutto ciò di cui hai bisogno sarà incluso nelle scatole dei tuoi componenti. Tuttavia, ci sono alcuni elementi che devi avere pronto prima di iniziare a costruire il tuo PC.

cacciaviti:

Per la stragrande maggioranza della build, utilizzerai un cacciavite Phillips n. 2, ma se stai installando SSD M.2 sulla scheda madre, ti consigliamo di utilizzare un cacciavite Phillips n. 1 più piccolo .

Torcia elettrica:

Per fortuna, quasi tutti gli smartphone sul mercato possono essere usati come una torcia e probabilmente ne avrai bisogno quando installi alcuni cavi e componenti nella custodia.

Pasta termica:

Avrai bisogno di un tubo di pasta termica per mantenere bassa la temperatura della CPU durante l’uso. La maggior parte dei dispositivi di raffreddamento della CPU sono dotati di pasta termica già applicata, il che significa che non avrai bisogno di alcun extra. Tuttavia, se si finisce per acquistare un tubo di pasta termica, è possibile pulire la pasta del dispositivo di raffreddamento e utilizzare la propria.

Termini da sapere

Abbiamo tentato di semplificare il processo di costruzione di un PC da gioco il più possibile qui, ma se non si ha familiarità con l’hardware del PC, alcuni dei termini in questa guida potrebbero richiedere alcuni chiarimenti. Abbiamo brevemente spiegato alcune delle parti e la terminologia che useremo di seguito. Sentiti libero di fare riferimento a questa sezione mentre lavori sulla tua build.

GPU: GPU sta per unità di elaborazione grafica; un altro nome è la scheda grafica. Questo gestirà la visualizzazione delle immagini sul tuo PC. Più queste immagini sono elaborate e complesse, maggiore sarà la potenza della scheda grafica. I due grandi nomi nel gioco di carte grafiche sono Nvidia e AMD.

PROCESSORE: La CPU (aka unità di elaborazione centrale o processore) gestisce tutti i processi e i calcoli sul tuo PC. Per il tuo PC, sceglierai una CPU da Intel o AMD.

Scheda madre: La scheda madre è dove sono installati tutti i componenti, consentendo loro di lavorare insieme e svolgere correttamente le loro funzioni.

SATA: SATA è un tipo di connessione, come USB, che viene utilizzata per dischi rigidi e SSD per trasferire dati

PCIe: PCIe è un altro tipo di connessione, sebbene sia più comunemente usato per schede grafiche e SSD M.2

NVMe: NVMe è un tipo di protocollo di connessione che può essere supportato dagli SSD M.2. Ciò fornisce un accesso molto più veloce al salvataggio e all’accesso ai dati.

SSD M.2: Un SSD M.2 è un piccolo stick che fornisce al tuo PC spazio di archiviazione. È possibile ottenere un SSD M.2 basato su SATA o un SSD M.2 basato su PCIe, quest’ultimo dei quali può supportare NVMe.

RAM: La RAM (o memoria ad accesso casuale) viene utilizzata per archiviare dati e informazioni che vengono elaborati dalla CPU. Più RAM hai, abbinato a un processore di buona qualità, più velocemente il tuo PC può svolgere le sue varie funzioni.

Sistema di raffreddamento: Il sistema di raffreddamento viene utilizzato per proteggere la CPU dal surriscaldamento.

PSU: L’alimentatore (o l’alimentatore) fornisce alimentazione al PC e ai suoi vari componenti.

OS: Il sistema operativo sta per sistema operativo. La maggior parte dei PC da gioco utilizzerà Windows 10 – è ciò che suggeriamo – anche se alcune persone potrebbero voler installare Linux.

Uno sguardo ad alcune build per PC da gioco

Abbiamo deciso di includere una suddivisione del PC che abbiamo creato, oltre a una build per PC da gioco molto più economica. Questo dovrebbe darti un’idea della vasta gamma di prezzi che puoi aspettarti quando inizi a costruire il tuo primo PC. Le build di PC più costose faranno sicuramente oscillare il tuo conto bancario, ma hanno maggiori probabilità di essere a prova di futuro: non avrai bisogno di aggiornare i componenti del PC per un po ‘di tempo e, quando lo fai, probabilmente non avrai bisogno per aggiornare più della tua scheda grafica. I PC più economici possono comunque offrire un’esperienza eccellente a un prezzo molto più conveniente, ma potrebbe essere necessario aggiornarlo più spesso se si desidera tenere il passo con le nuove versioni. In entrambi i casi, avrai sicuramente un’esperienza di gioco fantastica, a condizione che tu mantenga le tue aspettative sotto controllo con il tuo budget.

La nostra build per PC da gioco

Prezzo esatto: $ 2,992

Build per PC da gioco da $ 1.000

Prezzo esatto: $ 983,97

Come costruire un PC da gioco

Passaggio 1: preparare la scheda madre

Parti utilizzate: scheda madre

Nessuna didascalia fornita

Il montaggio della scheda madre all’esterno del case renderà la tua intera esperienza molto più facile da gestire. La nostra regola generale è quella di installare quante più parti possibili prima di avvitarlo nella custodia. Una cosa importante da notare prima di iniziare sulla scheda madre è che è necessario fare riferimento al suo manuale il più spesso possibile, poiché la scheda madre specifica può suggerire modi o luoghi specifici per installare i componenti. Inoltre, tieni presente che alcune parti richiedono una certa forza quando le colleghi, mentre altre devono semplicemente essere posizionate nei rispettivi punti. Prestare particolare attenzione alle seguenti istruzioni prima di installare i componenti.

La prima cosa che vorrai fare è assicurarti di assemblare il tuo PC su una superficie piana. Non costruirlo su un tappeto: la miscela di elettricità statica e parti del tuo PC è una combinazione pericolosa e potrebbe causare danni ai tuoi componenti. È improbabile che accada, ma ti consigliamo comunque di toccare di tanto in tanto la custodia in metallo per aiutarti a mettere a terra te stesso ed evitare che ciò accada.

Invece, costruisci la tua attrezzatura in una stanza con pavimenti in legno o laminato come una sala da pranzo o una cucina – abbiamo anche fatto il possibile e ci siamo tolti le calze. Rimuovi la scheda madre dalla confezione e posizionala su una superficie piana. Puoi appoggiarlo direttamente sul tuo tavolo, ma lo abbiamo posizionato personalmente sopra la sua scatola per evitare di graffiare la nostra scrivania. A questo punto, sei pronto per iniziare.

Passaggio 2: installare la CPU

Parti utilizzate: CPU, scheda madre

Nessuna didascalia fornita

La parte più semplice dell’intera build è anche la prima: l’installazione della CPU. Il socket della CPU della scheda madre sarà protetto da un pezzo di plastica, che potrai rimuovere quando apri il vassoio. Tutto quello che devi fare è spingere delicatamente verso il basso il braccio di metallo del vassoio ed estrarlo. Una volta che è libero dal vassoio, sollevarlo per aprire la presa e la plastica protettiva cadrà. Assicurati di conservare questo pezzo di plastica in caso di problemi con la scheda madre, poiché dovrai reinserirlo prima di rispedirlo al produttore.

A questo punto, il vassoio socket della CPU dovrebbe essere aperto, consentendo di installare la CPU sulla scheda madre. La tua CPU dovrebbe avere alcuni rientri di semicerchio nella sua scheda. Il socket della CPU è progettato per riempire questi rientri, facilitando l’allineamento della CPU e installandola correttamente. Una volta che hai capito come posizionare la CPU nel suo socket, fallo delicatamente. Non applicare pressione direttamente sulla CPU: basta chiudere il vassoio e assicurarsi che il braccio di metallo sia bloccato nella posizione originale, che potrebbe richiedere un po ‘di forza.

Passaggio 3: installare SSD M.2

Parti utilizzate: SSD M.2, scheda madre

Nessuna didascalia fornita

Gli SSD M.2 sono un altro semplice passo nel processo, ma non dimenticare di fare riferimento al manuale per scoprire quali slot M.2 dovresti usare per primo. La scheda madre potrebbe avere protezioni termiche protettive sugli slot M.2, quindi rimuovile prima. Dopo aver rimosso le protezioni dalla scheda madre, puoi inserire gli SSD M.2. Questi richiedono un po ‘di forza per inserirsi nei rispettivi slot, ma non spingono troppo forte: dovrebbero scivolare abbastanza facilmente. Una volta che gli SSD M.2 sono nei loro slot, l’estremità opposta dovrebbe puntare verso l’alto con un angolo diagonale. A questo punto, prendi la rispettiva vite (che è spesso inclusa con la scheda madre), spingi verso il basso ogni SSD M.2 e avvitali nei punti appropriati. A questo punto, puoi prendere la protezione termica e posizionarla sopra ogni SSD M.2, avvitandola in posizione.

Passaggio 4: installare la RAM

Parti utilizzate: RAM, scheda madre

Nessuna didascalia fornita

Questo è un altro passo in cui dovrai fare riferimento al manuale della scheda madre, che dovrebbe essere in grado di dirti in quale ordine posizionare la RAM. Se hai quattro slot e solo due stick di RAM, allora dovresti assicurarti che i due stick sono distanziati tra il primo e il terzo slot o il secondo e il quarto – il manuale della scheda madre può consigliarti qui. Distanziare la RAM in questo modo ti aiuterà a ottenere il massimo dalla tua CPU. Prima di tutto, assicurati di abbassare le clip di plastica su entrambi i lati di ogni slot che intendi utilizzare. L’inserimento della RAM richiede più forza, ma assicurati di iniziare in piccolo e quindi aumentare gradualmente la pressione. Quando senti un clic, la tua RAM è nel suo slot. Ciò dovrebbe causare il ribaltamento delle clip di plastica, che attanaglia la RAM. Se noti che i tuoi clip non sono stati capovolti, la tua RAM potrebbe non essere posizionata correttamente.

Passaggio 5: prepara la custodia per la scheda madre

Parti utilizzate: custodia

Nessuna didascalia fornita

È quasi ora di gettare la scheda madre nella custodia, ma prima devi avvitare alcune viti di supporto su cui posizionerai la scheda madre prima di avvitarla. Questi distacchi verranno con la scheda madre e una volta individuato puoi iniziare ad avvitarli nel tuo caso. Dovrebbero esserci circa una dozzina di buchi in cui inserirsi i supporti. Fare riferimento al manuale del caso se si riscontrano problemi nel trovarli. Una volta avvitati i distanziatori, sei pronto per inserire la scheda madre.

Passaggio 6: installa la scheda madre nella custodia

Parti utilizzate: scheda madre, custodia

Nessuna didascalia fornita

I distanziatori facilitano il posizionamento della scheda madre nella custodia, ma non iniziare ad avvitarla immediatamente. Dovrebbe esserci uno spazio sul retro del case per adattarsi alle porte I / O della scheda madre. Sarà un rettangolo e vorrai che la scheda madre venga inserita comodamente in questo spazio in modo da poter accedere a tutte le porte. Una volta che tutto si adatta, puoi iniziare ad avvitare la scheda madre sui supporti con le viti appropriate. Non dimenticare che non vuoi avvitare nulla di troppo stretto. Basta girare il cacciavite fino a quando tutto è serrato in modo sicuro, e quindi sei pronto per andare avanti.

Passaggio 7: installare l’alimentatore (PSU)

Parti utilizzate: alimentatore, custodia, scheda madre

Nessuna didascalia fornita

L’installazione dell’alimentatore nella custodia è spesso abbastanza semplice. Per questo ti consigliamo di consultare il manuale del tuo caso specifico, ma è piuttosto semplice. Innanzitutto, abbiamo preso la staffa di montaggio della nostra custodia e l’abbiamo avvitata sul retro del nostro alimentatore. Noterai che il tuo alimentatore sfoggia anche un ventilatore, che viene utilizzato per far circolare l’aria. Se stai pianificando di posizionare il tuo PC da gioco finito su un pavimento o una scrivania in legno, sentiti libero di puntare questa ventola verso il basso; se stai posizionando il tuo PC da gioco su un pavimento in moquette, ti consigliamo di puntare la ventola verso l’alto.

Una volta individuato il modo in cui il tuo alimentatore deve essere orientato e avvitato sulla staffa di montaggio, puoi facilmente inserirlo nella custodia e stringere le viti della staffa. A seconda di quanto spazio hai per il tuo alimentatore, potresti voler tenere a bada se lo avessi collegato fino a quando non avrai collegato tutti i suoi vari cavi di alimentazione.

Passaggio 8: collegare eventuali dischi rigidi / SSD SATA

Parti utilizzate: unità SATA, custodia, alimentatore

Nessuna didascalia fornita

Ora che è installato l’alimentatore, è possibile iniziare a collegare qualsiasi disco rigido SATA o SSD. Il caso dovrebbe avere un’area di alloggiamento specifica dedicata a contenere questo tipo di unità. Individua quest’area, quindi cerca due fermagli metallici sul lato sinistro e destro di ciascun vano. Stringere questi fermagli e quindi estrarre il vano. Qui è dove sarai in grado di avvitare l’unità SATA e mantenerlo stabile all’interno della custodia. Una volta fatto ciò, ti consigliamo di reinserire l’alloggiamento al suo posto, quindi collegare un cavo SATA e PSU al tuo disco rigido. Trova lo slot SATA sulla scheda madre e collega l’altro lato del cavo appropriato, quindi collega l’altro lato del cavo PSU all’alimentazione. L’unità è ora installata, anche se sarà necessario formattarla una volta che il PC è attivo e in esecuzione.

Passaggio 9: collega la custodia e i cavi di alimentazione alla scheda madre

Parti utilizzate: custodia, alimentatore, scheda madre

Nessuna didascalia fornita

Ora sei pronto per iniziare a collegare i cavi alla scheda madre. Questa parte richiede un po ‘di pazienza, poiché i cavi del case sono estremamente piccoli e possono essere difficili da orientare. In questo passaggio ti consigliamo di fare riferimento sia ai manuali del case che della scheda madre. Alcune schede madri, come la nostra Aorus Ultra, sono dotate di un bus in cui è possibile collegare i cavi della custodia prima di inserirli nella scheda madre. Questo rende questo passaggio molto più semplice.

I cavi della custodia lo rendono in modo da poter utilizzare le varie porte sulla parte anteriore del PC oltre al pulsante di accensione stesso. Naturalmente, non accadrà nulla quando si preme quel pulsante se non si collega l’alimentatore alla scheda madre. Ti consigliamo di collegare i cavi ATX a 24 pin e EPS12V nei rispettivi punti sia sulla scheda madre che sull’alimentatore. Collegherai tutti i cavi di alimentazione all’alimentatore, inclusi ventole, unità SATA e sistema di raffreddamento.

Passaggio 10: installare il sistema di raffreddamento della CPU

Parti utilizzate: sistema di raffreddamento, CPU, scheda madre

Nessuna didascalia fornita

L’installazione del sistema di raffreddamento può essere un’esperienza piuttosto snervante, in particolare quando si applica la pasta termica, ma è molto più semplice di quanto sembri. La prima cosa che devi fare è montare la staffa del sistema sulla scheda madre. Avrai bisogno di accedere al retro del vassoio della scheda madre, poiché ne avviterai una parte sul retro del vassoio. Questo ti darà i punti necessari per impostare la pompa del dispositivo di raffreddamento sulla CPU e sulla scheda madre. Prima di farlo, tuttavia, ci sono alcuni altri passaggi.

I sistemi di raffreddamento della CPU a base liquida sono dotati di un radiatore dotato di ventole, che ti consigliamo di avvitare nella tua custodia. Ovviamente, dovrai capire dove vuoi installarlo. Si consiglia di avvitarlo nella griglia superiore della custodia, poiché consentirà un maggiore flusso d’aria, ma alcuni casi potrebbero non avere una griglia superiore e sarà necessario installarlo sul retro della custodia. Una volta che hai capito in quale posizione andrai, avviterai il radiatore nella griglia stessa. Una volta fatto questo, sei pronto per collegare la pompa.

Innanzitutto, ti consigliamo di applicare un po ‘di pasta termica. Alcuni refrigeratori sono dotati di pasta termica già applicata; in tal caso, la pasta termica del tuo dispositivo di raffreddamento è molto probabilmente in grado di gestire il lavoro e potresti essere in grado di saltare questo passaggio successivo. Puoi anche rimuovere facilmente la pasta del dispositivo di raffreddamento con un panno asciutto se hai acquistato la pasta termica che preferisci. Ti consigliamo di applicare un glob di pasta termica di dimensioni pari al centro della CPU. Durante questo passaggio, vai sempre più piccolo che più grande. Una volta applicato, è possibile premere il dispositivo di raffreddamento nella sua posizione sulla CPU e pasta termica. Se ritieni di aver accidentalmente applicato troppa pasta termica, non preoccuparti: è facile come pulire la CPU con un panno asciutto e strofinare l’alcool e riprovare.

Una volta installata la pompa, è necessario assicurarsi che tutti i cavi del sistema di raffreddamento siano collegati nei punti giusti. Il nostro particolare dispositivo di raffreddamento ci ha richiesto di collegare un cavo micro-USB alla nostra pompa e l’altro lato alla nostra scheda madre.

Passaggio 11: avviare la gestione dei cavi

Parti utilizzate: custodia

Prima di passare all’ultimo passaggio della creazione fisica del tuo PC, potresti voler fare un po ‘di gestione dei cavi per ripulire. Ciò creerà un certo spazio per la circolazione dell’aria e l’accesso ai componenti se si desidera aggiornare in seguito. La maggior parte dei casi include cinturini in velcro o fascette con cerniera, ma lo tengo sempre una borsa di Velcros a portata di mano per ogni evenienza. Il caso con cui siamo andati, Fractal’s Meshify C, include una fantastica area per la gestione dei cavi dotata di una serie di cinturini in velcro. Si trova sul retro del vassoio della scheda madre. Siamo stati in grado di far scorrere tutti i nostri cavi in ​​questo spazio e di tenerli ben fissati.

Le uniche fascette che usavamo erano per i fili del nostro sistema di raffreddamento della CPU, che erano sottili e abbondanti. Questo ci ha reso più facile orientarli attraverso i fori nel nostro caso per raggiungere il punto desiderato. Assicurati solo di non stringere troppo le fascette per evitare di danneggiare i cavi.

Passaggio 12: installare la scheda grafica

Parti utilizzate: scheda grafica, scheda madre

Nessuna didascalia fornita

Infine, è tempo di discutere il componente di cui sei probabilmente il più entusiasta. La scheda grafica è facile da installare. Innanzitutto, dovrai rimuovere un numero appropriato di inserti per slot di espansione dal retro della custodia per adattarli alla scheda grafica. Questo varia a seconda della GPU con cui vai, ma di solito due è il numero sicuro: il nostro MSI GeForce RTX 2080 Ti ne occupa due. Una volta svitati e rimossi, capire in quale slot PCIe Express è necessario inserire la scheda, quindi capovolgere la tacca di plastica all’estremità dello slot verso il basso per preparare l’installazione. A questo punto, tutto ciò che devi fare è allineare la scheda grafica con lo slot PCIe Express e quindi spingere verso il basso fino a quando la tacca di plastica si solleva e scatta. Ancora una volta, non hai bisogno di molta forza per spingerlo dentro, ma dovrai spingere la scheda grafica nel suo slot fino a quando non ottieni quel clic. Una volta sentito, puoi avvitare le staffe di montaggio della scheda grafica nella custodia usando le viti e i fori dello slot di espansione.

A questo punto, è necessario collegare la scheda grafica all’alimentatore per alimentarla. (Le schede grafiche di fascia bassa in genere non richiedono ulteriore potenza, quindi se è quello con cui stai lavorando, sei bravo a saltare questo passaggio.) Prendi i cavi appropriati inclusi con l’alimentatore e inserisci un’estremità nella grafica carta; quindi collegare l’altro all’alimentatore. Va bene se ci sono parti dei cavi che non vengono utilizzate – assicurati solo che ogni porta sulla scheda grafica abbia una parte del cavo collegata.

Passaggio 13: installare il sistema operativo

Parti utilizzate: chiavetta USB, custodia

Nessuna didascalia fornita

Una volta assicurato un PC ordinato con tutti i cavi gestiti, è necessario collegare un cavo HDMI al PC e collegare l’altra estremità a un monitor. Inserire il cavo di alimentazione nella PSU e l’altra estremità in una presa; quindi, portare l’interruttore di alimentazione sul retro del PC in posizione “On”. Premi il pulsante di accensione sul PC e, se si accende, sei quasi pronto.

A questo punto, avrai bisogno di un altro PC e di un’unità USB veloce di almeno 8 GB – ti consigliamo SanDisk Extreme Pro. Ti consigliamo quindi di andare a Microsoft e seguire i passaggi forniti lì. Questo ti aiuterà a creare un dispositivo di installazione dall’unità USB, che puoi collegare al PC prima di avviarlo. All’avvio del PC, dovrebbe andare direttamente al processo di installazione di Windows 10. Seguire i passaggi qui e attendere l’installazione. Una volta terminato, dovresti essere pronto, anche se dovrai acquistare una licenza adeguata per Windows 10 di Microsoft. Se lo fai dal tuo nuovo PC, si attiverà automaticamente.

Se il tuo PC non si accende

Se il tuo PC non si avvia, non preoccuparti: non è certamente la fine del mondo. Esistono diverse cose che possono impedire al PC di avviarsi al primo tentativo e, salvo eventuali malfunzionamenti del prodotto, sono facilmente risolvibili. Ecco alcune cose che puoi fare per risolvere il tuo PC impotente.

L’alimentatore è collegato a una presa?

Questa è una soluzione semplice. Basta collegare il PC a una presa e dovresti essere pronto.

L’interruttore dell’alimentazione è acceso?

Assicurati di aver portato l’interruttore del tuo alimentatore in posizione “On” prima di accenderlo. Questo è un problema facilmente trascurabile con una soluzione altrettanto semplice.

I cavi di alimentazione sono inseriti correttamente nella scheda madre?

Questa è la prossima cosa che dovresti ricontrollare. Ricollegare i cavi potrebbe essere ciò di cui hai bisogno per fornire finalmente energia al tuo PC.

I cavi del case sono collegati correttamente alla scheda madre?

È importante eseguire correttamente questo passaggio perché se si preme il pulsante di accensione della custodia e il cavo specifico non è collegato correttamente, non sarà in grado di avviare il PC. Alcune schede madri sono dotate di un bus seriale a cui è possibile collegare i cavi della custodia prima di collegarsi alla scheda madre.

Le tue parti sono installate correttamente?

Questa è l’ultima cosa da controllare in quanto può richiedere più tempo. Ricollegare la RAM e la CPU o semplicemente cambiare gli stick RAM in diversi slot potrebbe essere la soluzione che stai cercando.

Se tutto ciò non riesce, i componenti potrebbero essere difettosi.

Sfortunatamente, questo può succedere. A volte quando si costruisce un PC, ti rendi conto che uno dei tuoi componenti non funziona correttamente. A questo punto, dovrai contattare il produttore della tua parte e chiedere loro la loro politica di restituzione. La stragrande maggioranza dei grandi produttori di componenti PC ha politiche di restituzione che copriranno le parti difettose, quindi non devi preoccuparti. Potrebbe volerci un po ‘più tempo per goderti il ​​tuo nuovissimo PC.

News Hat
Newshat.net is an Italian News and Media Website. Here you get Worldwide News on Sports, Entertainment, Corona Virus, Crime, Hollywood and Bollywood in the Italian Language.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments