Sunday, November 29, 2020
Home Corona Virus Cosa preoccupa i pediatri durante la pandemia?

Cosa preoccupa i pediatri durante la pandemia?

Ma i pediatri sono preoccupati, preoccupati per i bambini e le famiglie, per il presente e il futuro. Nelle nostre videoconferenze e riunioni Zoom, siamo tutti preoccupati di quanto siano stressate le famiglie, di ciò che sentiamo dai nostri pazienti o dei loro genitori sullo stress di essere confinati; o dai genitori il cui lavoro richiede loro di andarsene. Per i genitori senza lavoro e le famiglie che non hanno più abbastanza da mangiare.

Consentitemi di raggruppare – senza cercare di classificare – alcune delle principali preoccupazioni che sorgono più e più volte tra coloro che lavorano con i bambini e forniscono loro assistenza medica.

Devo iniziare con quello che credo sia il più grande trionfo della pediatria: la capacità di proteggere i bambini dalle condizioni che li facevano ammalare e persino ucciderli. Questa pandemia ci ricorda ogni giorno che virus e batteri possono danneggiarci, che le infezioni possono diffondersi in popolazioni che non hanno immunità.

Sally Goza, presidente dell’American Academy of Pediatrics e pediatra delle cure primarie con uno studio privato a Fayetteville, in Georgia, ha ricordato le malattie devastanti che vedeva nei neonati e nei bambini piccoli anche negli anni ’80. “Nel caso dei bambini, se non somministriamo loro il vaccino contro la meningite, potremmo vedere di nuovo i bambini malati”, ha detto. “Non voglio alla fine della mia carriera vedere tutte quelle malattie che ho visto quando ho iniziato.”

Hans Kersten, professore di pediatria a Drexel e St. Christopher’s Children’s Hospital di Filadelfia, ha scritto che mentre la sua clinica era ancora al servizio di bambini di età inferiore ai 2 anni, molti mancano gli appuntamenti e i bambini più grandi non ricevono vaccinazioni. corrispondente a 4 e 11 anni.

Goza ha affermato che anche i bambini di età compresa tra 3, 4 e 5 manifestano ansia per il virus. Ora i bambini vivono in un mondo ansioso, come tutti noi, e vivono con i loro genitori spaventati e nervosi. Molti bambini, come tanti adulti, stanno perdendo i loro cari, o almeno hanno il terrore di perdere i loro cari. Non c’è dubbio che i genitori di tutto il mondo stiano facendo del loro meglio, ma i bambini avranno bisogno di molto aiuto, ora e in futuro, per gestire i propri sentimenti e paure.

Man mano che i bambini crescono e cambiano, anche i loro bisogni emotivi e le loro vulnerabilità cambiano. “La mia più grande preoccupazione per i bambini in questo momento è che perdono molte interazioni critiche: interazioni con i genitori che sono stressati dalle esigenze che stanno affrontando in questo momento, interazioni con la famiglia in generale e con altri bambini, che sono tutti così importanti per il loro sviluppo sociale ed emotivo “, ha scritto Danielle Erkoboni, pediatra generale presso il Policy Laboratory presso il Children’s Hospital di Filadelfia.

Marilyn Augustyn, pediatra dello sviluppo e del comportamento del Boston Medical Center, ha classificato le sue maggiori preoccupazioni per lo sviluppo in base all’età: che i bambini “avranno imparato che dovremmo avere paura delle altre persone, indossare maschere per il viso e attraversare la strada se li vediamo ”. Che i bambini in età prescolare, che tendono al pensiero magico, penseranno che la privazione – come i campi da gioco chiusi – sia una punizione per aver fatto qualcosa di sbagliato.

E che i bambini delle scuole superiori e gli adolescenti “avranno consumato quantità astronomiche di media audiovisivi online e dimenticheranno come disconnettersi”.

News Hat
Newshat.net is an Italian News and Media Website. Here you get Worldwide News on Sports, Entertainment, Corona Virus, Crime, Hollywood and Bollywood in the Italian Language.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments