Thursday, October 29, 2020
Home Corona Virus Hong Kong protesta l'impugnatura serrata della Cina: un chiarore

Hong Kong protesta l’impugnatura serrata della Cina: un chiarore

Le proteste di Hong Kong della scorsa settimana hanno molti dei tratti distintivi delle manifestazioni antigovernative dello scorso anno che sono arrivate a definire la più grande crisi politica del territorio negli ultimi decenni. I manifestanti hanno cercato di colpire le camere legislative. Hanno marciato per le strade e sventolato striscioni. Hanno cercato di fermare il traffico.

Quest’anno c’è una differenza fondamentale. Le proteste sono sempre più una sfida diretta al Partito comunista al potere in Cina piuttosto che alla leadership del territorio.

Quest’ultimo giro di manifestazioni, i più grandi raduni della città negli ultimi mesi, è stato alimentato in gran parte dalla mossa del partito questo mese per imporre nuova legislazione sulla sicurezza nazionale per Hong Kong.

Le regole avrebbero l’obiettivo diretto delle proteste antigovernative e di altri dissidenti a Hong Kong.

Ci si aspetta che prevengano e puniscano la secessione, la sovversione e le infiltrazioni straniere, che Pechino ha accusato di aver alimentato i disordini in città. La legislazione consentirebbe inoltre alle temute agenzie di sicurezza del continente di avviare le loro operazioni pubblicamente a Hong Kong per la prima volta, invece di operare su scala limitata in segreto.

La legislazione ha evocato il timore che il Partito Comunista stia minando le libertà di cui Hong Kong ha goduto da quando la Cina ha rivendicato la regione dalla Gran Bretagna. Il quadro politico di Hong Kong, noto come “un paese, due sistemi”, garantisce il diritto all’assemblea e una magistratura indipendente.

La mini Costituzione di Hong Kong, la Legge fondamentale, impone al territorio di introdurre una legislazione sulla sicurezza nazionale. Ma il governo non aveva osato farlo dopo che un precedente tentativo era stato ostacolato nel 2003 da enormi proteste.

Ora, Pechino sta aggirando il governo di Hong Kong e la legislazione è invece spinta dalla legislatura cinese sul timbro di gomma, il Congresso Nazionale del Popolo.

Funzionari cinesi hanno preso sui disordini etichettare i manifestanti “separatisti” e “terroristi violenti” sostenuti da “intromissione delle forze straniere”. Hanno detto che le dimostrazioni erano la prova che la legislazione sulla sicurezza nazionale era urgentemente necessaria.

“I piantagrane di Hong Kong non possono avere il permesso di colludere con le forze anti-cinesi straniere per imporre sanzioni alla città e confrontarsi con la Cina”, ha detto Xie Feng, commissario cinese per gli affari esteri a Hong Kong, in una conferenza stampa tenutasi a maggio. “I separatisti dell ‘” indipendenza di Hong Kong “non possono essere lasciati incontrollati e gli estremisti non possono avere un pass gratuito per commettere atti terroristici violenti”.

Tuttavia, solo pochi manifestanti hanno chiesto apertamente l’indipendenza di Hong Kong e finora i funzionari cinesi hanno rifiutato di produrre prove sostanziali del coinvolgimento ufficiale straniero nelle proteste.

News Hat
Newshat.net is an Italian News and Media Website. Here you get Worldwide News on Sports, Entertainment, Corona Virus, Crime, Hollywood and Bollywood in the Italian Language.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments