Sunday, October 25, 2020
Home Corona Virus I lavoratori stranieri, improvvisamente senza lavoro, devono lasciare gli Stati Uniti se...

I lavoratori stranieri, improvvisamente senza lavoro, devono lasciare gli Stati Uniti se non vengono assunti

Come milioni di lavoratori americani, un ingegnere informatico indiano, un ricercatore di mercato britannico e un architetto iraniano hanno perso il lavoro a causa della pandemia di coronavirus. A differenza degli americani, non hanno diritto alle indennità di disoccupazione, nonostante paghino le tasse, perché hanno un visto di lavoro straniero. E, se non riescono a trovare presto lavori simili, devono lasciare il Paese.

Rejish Ravindran ha analizzato i dati per un rivenditore di calzature nazionale, aiutando a fare proiezioni di vendita e decisioni di investimento. Dopo averlo assunto con un visto per lavoratori qualificati H-1B circa due anni fa, la società ha recentemente sponsorizzato la sua domanda di residenza permanente legale, un processo che richiede diversi anni per essere completato.

“Stava andando bene. Pensavo di essere nel Michigan per sempre. Stavamo per comprare una casa e stabilirci qui “, ha dichiarato Ravindran, 35 anni, che vive a Grand Rapids, Mich. Sua moglie, Amrutha, un’infermiera, stava finendo un corso e sperava di mettere presto in pratica la sua formazione.

Ma maltrattato dall’epidemia di coronavirus, il rivenditore ha dato la caccia al signor Ravindran il mese scorso, il che non è consentito ai sensi del suo visto. Quindi, due giorni dopo, la compagnia lo interruppe.

“Tutto è crollato”, ha dichiarato Ravindran, che è arrivato negli Stati Uniti nel 2012.

Ora, sta cercando di trovare un altro lavoro prima che il periodo di tolleranza di 60 giorni per il trasferimento del visto a un altro datore di lavoro scada all’inizio del mese prossimo. Non è ottimista.

Le vite di decine di migliaia di lavoratori stranieri con visti per lavoratori qualificati, come H-1B, sono state sconvolte dalla ricaduta economica della crisi di Covid-19. Molti hanno atteso in arretrato per diversi anni per ottenere la residenza legale permanente attraverso il loro datore di lavoro, e ora affrontano la prospettiva di espulsione.

Si prevede inoltre che l’amministrazione Trump entro le prossime settimane fermerà l’emissione di nuovi visti di lavoro come l’H-1B, per stranieri altamente qualificati e l’H-2B, per l’occupazione stagionale. Le nuove misure in esame, secondo due attuali e due ex funzionari dell’immigrazione del governo, eliminerebbero anche un programma che consente laureati stranieri delle università americane per rimanere nel paese e lavorare.

Per quelli che sono già radicati negli Stati Uniti, le conseguenze dell’annullamento dei visti esistenti stanno “alterando la vita”, ha affermato Shev Dalal-Dheini, direttore delle relazioni governative dell’American Immigration Lawyers Association.

“Sono stati gettati nel limbo. Non è che possano andare e trovare qualsiasi lavoro, come in una pizzeria “, ha detto la signora Dalal-Dheini. Un nuovo lavoro deve soddisfare criteri specifici per il visto, ad esempio pagando un determinato stipendio e richiedendo almeno una laurea.

L’associazione della sig.ra Dalal-Dheini di 15.000 avvocati ha chiesto ai servizi di cittadinanza e immigrazione degli Stati Uniti di prorogare il periodo di grazia, dando ai titolari di H-1B almeno 90 giorni dopo che l’emergenza sanitaria pubblica ha finito per trovare lavoro.

Un portavoce dell’agenzia non ha indicato se un’estensione fosse in esame. Ha detto che l’agenzia continuerà a monitorare il coronavirus e “valutare varie opzioni relative ai programmi di lavoro temporaneo”.

Da quando è entrato in carica, il presidente Trump ha posto l’immigrazione e lo spostamento del lavoro al centro della scena, introducendo una serie di politiche per ridurre l’immigrazione legale e illegale. Più recentemente, la sua amministrazione ha citato la pandemia per giustificare restrizioni ancora più severe.

Il 22 aprile, Trump ha sospeso l’ingresso di nuovi immigrati per 60 giorni. Meno notato nel suo proclama è stato l’ordine ai segretari della sicurezza del lavoro e della patria per una rapida revisione dei programmi di visto di lavoro non immigranti.

Al 21 gennaio c’erano 421, 276 persone negli Stati Uniti con visti H-1B, tre quarti dei quali indiani e molti dei quali lavoratori della tecnologia. Circa 220.000 persone sono state iscritte nell’anno accademico 2018-19 al programma di formazione pratica opzionale, che consente agli studenti stranieri di lavorare dopo aver completato gli studi.

La forte economia ha alimentato la vivace domanda di lavoratori stranieri negli ultimi anni, con le applicazioni di H-1B di società private che hanno superato di gran lunga l’offerta annuale di 85.000, una situazione che ha spinto il governo a ricorrere a una lotteria per assegnarle.

Ma i sostenitori della limitazione dell’immigrazione affermano che se c’è mai stato un tempo per dare la priorità ai lavoratori americani, è ora.

“Se un titolare del visto per H-1B viene licenziato e non è in grado di trovare un altro datore di lavoro disposto a sponsorizzarlo, dovrebbe tornare a casa”, ha affermato Kevin Lynn, direttore esecutivo di Progressives for Immigration Reform, che sostiene i lavoratori tecnologici americani .

Anche i cittadini americani con partner stranieri in possesso di visto sono interessati.

Andrew Jenkins e Krista York del Minnesota hanno iniziato più di un anno fa a pianificare il loro matrimonio. La coppia aveva deciso di sposarsi il 20 agosto nella maestosa Cattedrale di St. Paul, dove decenni fa i nonni della signora York si erano sposati ed è stata confermata in chiesa da adolescente. Quindi il coronavirus ha colpito.

La signora York è stata licenziata. Il signor Jenkins, che è britannico, ha perso il lavoro come analista di ricerche di mercato. Poiché è in possesso di un visto H-1B, il sig. Jenkins non ha diritto alla disoccupazione. “È tutt’altro che ideale non avere alcun reddito quando pianifichi il tuo matrimonio”, ha dichiarato Jenkins, 27 anni.

Quel che è peggio, ha detto la coppia, è che il signor Jenkins è in corsa contro il tempo per trovare un altro lavoro prima della scadenza del suo visto a luglio.

A meno che non ci riesca, potrebbero essere costretti a sposarsi in fretta in un tribunale in modo che il signor Jenkins possa salvare il suo status di immigrato, presentando una domanda di carta verde tramite un coniuge. In tal caso, alla coppia non sarà consentito tenere una cerimonia religiosa nella cattedrale.

“Tutto è pronto per la cattedrale. Ma se dobbiamo sposarci sulla carta, dovremo trovare un’altra chiesa “, ha detto la signora York, 27 anni.

Bahar Shirkhanloo dell’Iran ha completato un master in architettura due anni fa e ha utilizzato il programma di addestramento pratico opzionale per ottenere un lavoro presso uno studio di Chicago, dove fa parte di un team che progetta edifici residenziali di molti piani.

All’inizio di quest’anno, l’azienda ha deciso di sponsorizzarla per una carta verde. Ma è stata bruscamente interrotta all’inizio di aprile quando i progetti si sono fermati, lasciandola con 60 giorni, secondo i termini del programma, per trovare un nuovo lavoro.

“Mi sto candidando ogni giorno, ovunque negli Stati Uniti, a cui puoi pensare”, ha detto la signora Shirkhanloo, 28 anni. Molto spesso, sente la stessa cosa: “Sono interessati, ma, per ora, c’è un blocco delle assunzioni”.

Nel Michigan, Ravindran sta pensando di vendere la sua Honda Accord del 2013 per pagare l’affitto e pagare fatture eccezionali, tra cui $ 6.000 per una visita in ospedale della moglie l’anno scorso.

Figlio di un proprietario di una bancarella di tè e il primo a frequentare il college nella sua famiglia, l’ingegnere del software ha detto che se dovesse tornare in India, “voglio cancellare tutti i miei debiti. Devo uscire senza problemi dagli Stati Uniti “

Ma c’è una ruga: i voli commerciali verso l’India sono stati sospesi da quando quel paese è stato bloccato a marzo. Mentre il governo di recente ha iniziato a rimpatriare alcuni indiani bloccati all’estero, ha stabilito che le donne incinte, le persone anziane e le persone con condizioni mediche avranno la priorità.

News Hat
Newshat.net is an Italian News and Media Website. Here you get Worldwide News on Sports, Entertainment, Corona Virus, Crime, Hollywood and Bollywood in the Italian Language.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments