Wednesday, September 30, 2020
Home Corona Virus Il coronavirus potrebbe interrompere le previsioni meteorologiche

Il coronavirus potrebbe interrompere le previsioni meteorologiche

Il calo dei viaggi aerei causato dalla pandemia di coronavirus ha drasticamente ridotto la quantità di dati atmosferici abitualmente raccolti dagli aerei di linea commerciali, ha affermato giovedì l’Organizzazione meteorologica mondiale, aggiungendo che era “preoccupato per il crescente impatto” sulle previsioni meteorologiche in tutto il mondo.

L’agenzia ha dichiarato che i dati sulla temperatura, il vento e l’umidità dei voli aerei, raccolti da sensori sugli aerei e trasmessi in tempo reale alle organizzazioni di previsione di tutto il mondo, sono stati ridotti di quasi il 90 percento in alcune regioni.

Negli Stati Uniti i dati sono diminuiti del 75 percento durante la pandemia, secondo l’Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica. Nell’ambito del programma di osservazione, istituito negli anni ’60, i dati provenienti da 3.500 aeromobili gestiti da Delta, United, American e Southwest e dai vettori cargo United Parcel Service e FedEx, vengono trasmessi direttamente alle operazioni di previsione del National Weather Service.

Christopher Vaccaro, portavoce del NOAA, ha affermato che il declino “non si traduce necessariamente in una riduzione dell’accuratezza delle previsioni poiché i meteorologi del National Weather Service utilizzano un’intera serie di osservazioni e indicazioni per produrre una previsione reale”. Ciò include i dati provenienti da satelliti, radar e altri strumenti e radiosonde terrestri e marittimi, piccoli strumenti che vengono lanciati nell’atmosfera superiore su un programma giornaliero e forniscono dati mentre scendono.

Ma ogni giorno vengono lanciate meno di 200 radio. Le osservazioni dagli aerei sono state molto più abbondanti, ha affermato William R. Moninger, un fisico NOAA in pensione che ora lavora al Istituto cooperativo per la ricerca in scienze ambientali presso l’Università del Colorado. Non tutti gli aeroplani forniscono dati, ma quelli che trasmettono letture ogni pochi secondi, a seconda dell’altitudine, ha detto.

In questo periodo dell’anno scorso, ha affermato il dott. Moninger, gli aerei negli Stati Uniti hanno fornito quasi 600.000 osservazioni al giorno. Ora, con molti meno voli, in un recente giorno di aprile ci sono state 180.000 osservazioni, ha detto.

I dati osservativi vengono inseriti nei modelli di computer del servizio meteorologico che prevedono condizioni ovunque da alcune ore a giorni. Il dottor Moninger e alcuni colleghi stanno attualmente studiando se le previsioni a breve termine sono state influenzate. “La risposta breve è che non abbiamo ancora visto un impatto inequivocabile”, ha detto, osservando che devono ancora completare la loro analisi.

L’Organizzazione meteorologica mondiale, un braccio delle Nazioni Unite che coordina un sistema di osservazione globale per 193 nazioni membri, ha affermato che oltre ai dati degli aerei, le osservazioni meteorologiche basate sulla superficie sono state influenzate in alcune parti del mondo, tra cui Africa e Central e Sud America, dove molti strumenti meteorologici non sono automatizzati e devono essere visitati regolarmente per ottenere letture.

L’agenzia ha affermato che gli strumenti automatizzati dovrebbero continuare a funzionare bene per qualche tempo, ma che se la pandemia è prolungata, la mancanza di manutenzione e riparazione può diventare un problema.

L’agenzia ha anche affermato che alcuni paesi, in particolare in Europa, stanno lanciando più radiosonde per compensare parzialmente la perdita di dati degli aeromobili.

Le agenzie meteorologiche nazionali “stanno affrontando sfide sempre più gravi a causa della pandemia di coronavirus, specialmente nei paesi in via di sviluppo”, ha affermato Petteri Taalas, direttore generale dell’agenzia, in una nota.

“Mentre ci avviciniamo alla stagione degli uragani nell’Atlantico, la pandemia di Covid-19 rappresenta un’ulteriore sfida e può esacerbare i rischi multi-hazard a livello di singolo paese”, ha aggiunto.

I dati dei velivoli vengono anche utilizzati dalle compagnie aeree in quanto gestiscono le operazioni di volo giornaliere sia in volo che negli aeroporti. Le osservazioni della velocità del vento ad altitudini di crociera di circa 30.000 piedi e oltre, ad esempio, possono aiutare a pianificare le esigenze di rifornimento di carburante. E se le osservazioni durante la salita o la discesa mostrano che è probabile che possano verificarsi presto condizioni di ghiaccio in un aeroporto, una compagnia aerea può risparmiare denaro spostando qualche aereo altrove.

I dati a volte possono essere salvavita. In un articolo del 2003, il dottor Moninger e altri scrissero di un incidente del 1998 in cui un aereo vicino a Miami su un volo dall’Europa rivelò che era quasi senza carburante perché aveva incontrato forti venti contrari. Un rapido controllo dei dati di altri tre velivoli ha mostrato una pista alternativa, non lontana, con aria più calma.

Per le previsioni del servizio meteorologico, le osservazioni durante il decollo e gli atterraggi sono particolarmente utili, ha affermato il dott. Moninger. I dati vengono raccolti più frequentemente rispetto all’altitudine di crociera: strumenti avanzati rilevano ogni 300 piedi tra il suolo e 10.000 piedi. La raccolta risultante di letture si chiama profilo e in genere ce ne sarebbero circa 12.000 al giorno. Il 23 marzo di quest’anno, c’erano 3.500.

I dati possono aiutare i meteorologi a comprendere meglio la struttura verticale dell’atmosfera inferiore e come potrebbe cambiare a breve termine. “Se stai cercando cose come la probabilità di temporali, la struttura verticale dell’atmosfera è importante”, ha detto il dottor Moninger.

“Mi aspetto che la riduzione dei dati meteorologici possa anche avere un grande impatto su cose come prevedere quando la nebbia si romperà”, ha detto.

Gli esperti della qualità dell’aria usano anche i dati per prevedere perché possono aiutare a prevedere la comparsa di inversioni vicino alla superficie, quando le temperature dell’aria, che sono normalmente più calde al suolo, si ribaltano e diventano più calde a quote più elevate. Le inversioni intrappolano gli inquinanti, peggiorando notevolmente la qualità dell’aria per un giorno o più.

News Hat
Newshat.net is an Italian News and Media Website. Here you get Worldwide News on Sports, Entertainment, Corona Virus, Crime, Hollywood and Bollywood in the Italian Language.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments