Tuesday, October 20, 2020
Home Corona Virus Il ritardo di blocco costa almeno 36.000 vite, spettacolo di dati

Il ritardo di blocco costa almeno 36.000 vite, spettacolo di dati

Se gli Stati Uniti avessero iniziato a imporre misure di allontanamento sociale una settimana prima rispetto a marzo, circa 36.000 persone in meno sarebbero morte nello scoppio del coronavirus, secondo nuove stime dai modellatori della malattia della Columbia University.

E se il paese avesse iniziato a bloccare le città e a limitare i contatti sociali il 1 ° marzo, due settimane prima di quanto la maggior parte della gente avesse iniziato a stare a casa, la grande maggioranza delle morti della nazione – circa l’83% – sarebbe stata evitata, i ricercatori hanno stimato.

In quello scenario, circa 54.000 persone in meno sarebbero morte all’inizio di maggio.

L’enorme costo dell’attesa per agire riflette le dinamiche spietate dell’epidemia che ha colpito le città americane all’inizio di marzo. Anche piccole differenze nei tempi avrebbero impedito la peggiore crescita esponenziale, che ad aprile aveva assorbito New York, New Orleans e altre grandi città, i ricercatori hanno scoperto.

“È una grande, grande differenza. Quel piccolo momento nel tempo, catturandolo in quella fase di crescita, è incredibilmente critico nel ridurre il numero di morti “, ha dichiarato Jeffrey Shaman, un epidemiologo della Columbia e leader del gruppo di ricerca.

I risultati si basano sulla modellizzazione delle malattie infettive che misura come il ridotto contatto tra le persone a partire da metà marzo abbia rallentato la trasmissione del virus. Il team del Dr. Shaman ha modellato cosa sarebbe successo se quegli stessi cambiamenti avessero avuto luogo una o due settimane prima e ha stimato la diffusione di infezioni e decessi fino al 3 maggio.

I risultati mostrano che una volta riaperti gli Stati, i focolai possono facilmente sfuggire al controllo a meno che i funzionari non monitorino attentamente le infezioni e reprimano immediatamente le nuove fiammate. E dimostrano che ogni giorno che i funzionari hanno aspettato di imporre restrizioni all’inizio di marzo ha avuto un grande costo.

Dopo che l’Italia e la Corea del Sud hanno iniziato a rispondere in modo aggressivo al virus, il presidente Trump ha resistito all’annullamento dei raduni della campagna o dicendo alle persone di rimanere a casa o di evitare la folla. Il rischio del virus per la maggior parte degli americani era molto basso, ha detto.

“Niente è chiuso, la vita e l’economia vanno avanti”, Mr. Trump tweeted il 9 marzo, suggerendo che l’influenza era peggiore del coronavirus. “In questo momento ci sono 546 casi confermati di CoronaVirus, con 22 morti. Pensaci!”

News Hat
Newshat.net is an Italian News and Media Website. Here you get Worldwide News on Sports, Entertainment, Corona Virus, Crime, Hollywood and Bollywood in the Italian Language.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments