Sunday, November 29, 2020
Home Corona Virus Il virus minaccia le tradizioni cinesi delle bacchette e dei pasti in...

Il virus minaccia le tradizioni cinesi delle bacchette e dei pasti in stile familiare

Alla Chilli Kitchen di Pechino, i piatti speziati e intorpiditi del Sichuan sono presentati in stile familiare. Usando le bacchette rosse, i commensali si tuffano in ciotole di maiale fumanti vinte in tonnellate bagnate con olio di peperoncino profumato e semi di sesamo e frugano tra piatti pieni di peperoncini rossi secchi per scoprire succosi pezzi di pesce arrosto.

La condivisione del cibo è una caratteristica centrale di come i cinesi, come molti altri in tutto il mondo, trasmettano affetto. I genitori raccolgono bocconcini scelti e li mettono nelle ciotole dei loro bambini come espressione di amore; i bambini servono i nonni per mostrare rispetto; e i capi lo fanno come un gesto di magnanimità verso i loro dipendenti.

Ora, le preoccupazioni crescono sul fatto che la lunga tradizione del paese di condividere il cibo potrebbe anche accelerare la diffusione del coronavirus. Il governo ha puntato su un utensile onnipresente: le bacchette.

La maggior parte dei commensali cinesi raccoglie cibo da piatti comuni con la stessa coppia di bacchette che poi usano per mangiare o servire gli altri. Il doppio tuffo è la norma. Ma il governo spera di cambiare le abitudini esortando le persone a usare un secondo paio di bacchette – solo per servire.

Le agenzie di stampa statali la definiscono una “rivoluzione dei tavoli da pranzo”. Il dottor Zhong Nanshan e il dottor Zhang Wenhong, esperti espliciti in malattie infettive che sono diventati celebrità dall’inizio dell’epidemia, hanno espresso il loro sostegno. Le autorità di tutto il paese pubblicano pubblicità con slogan come: “La distanza tra te e la cena civile è solo una coppia di bacchette che servono”.

Alcuni ristoranti e commensali hanno ascoltato la chiamata. Stanno offrendo sconti ai commensali che usano servire le bacchette. Nella città cinese orientale di Hangzhou, oltre 100 ristoranti di spicco hanno formato una “Alleanza per servire le bacchette”.

A Pechino, Bai Yiwen, uno dei proprietari di Chilli Kitchen, ritiene che dalla riapertura a metà aprile, più della metà dei gruppi che vengono nei suoi ristoranti hanno chiesto di servire le bacchette, da meno del 5% prima della pandemia.

“Prima, le persone sentivano che usare le bacchette era fastidioso”, ha detto Bai, 31 anni. “Ma ora, tutti stanno diventando più consapevoli del problema e lentamente si stanno abituando.”

Tuttavia, la resistenza è forte. Molti vedono condividere il cibo con le proprie bacchette come tra le espressioni più autentiche della cultura comune cinese e l’enfasi sulla famiglia, non meno integrale dell’abbraccio è per gli americani o il bacio alle guance è per i francesi. Le bacchette al servizio sono in genere associate a contesti formali, come banchetti e pasti con estranei.

Le bacchette al servizio sono più comuni nelle principali città come Pechino e Shanghai, dove esiste una maggiore consapevolezza dell’igiene. Alcuni cinesi che provengono dal nord del fiume Yangtze vedono le loro controparti meridionali, che consumano riso, come più particolari riguardo alle loro abitudini alimentari e quindi con più probabilità usano le bacchette al servizio. (Non ci sono prove a sostegno di questo stereotipo.)

Al contrario, i settentrionali che mangiano grano, e in particolare gli uomini, sono orgogliosi di ciò che i cinesi chiamano “mangiare in grande e bere in grande”, senza preoccuparsi di preoccupazioni così insignificanti come germi e batteri. Non importa un piccolo, esperimento recente dagli esperti del governo che hanno scoperto che il livello di batteri nei piatti per i quali venivano utilizzate le bacchette era fino a 250 volte inferiore rispetto ai piatti condivisi in modo regolare.

Liu Peng, 32 anni, consulente in materia di istruzione e fiero nordista della città costiera di Qingdao, ha affermato che mentre si era abituato a indossare una maschera negli ultimi mesi, lui e i suoi amici non avevano cambiato le loro abitudini alimentari.

“Forse usare le bacchette è più igienico, ma mangiare è il momento per noi tutti di rilassarci e non vogliamo essere infastiditi da tutte queste piccole regole”, ha detto Liu. Inoltre, pensò, il nuovo coronavirus era così contagioso che servire le bacchette non avrebbe impedito al virus di diffondersi attorno a un tavolo.

“Nei miei 30 anni passati a mangiare fuori, non ho mai contratto un’infezione”, ha dichiarato.

Campagne simili per promuovere il servizio delle bacchette furono lanciate in tutta l’Asia dopo lo scoppio della sindrome respiratoria acuta grave, o SARS, nei primi anni 2000.

L’unità ha guadagnato trazione a Hong Kong, dove sono morte circa 300 persone in quell’epidemia. Ancora oggi, molti ristoranti di Hong Kong posano due set di bacchette in ogni locale, una coppia per servire e un’altra, spesso una coppia di colori diversi, per mangiare. Altri ristoranti in città spesso servono cucchiai e bacchette direttamente sui piatti.

Ma la campagna si è appena registrata nella Cina continentale. La maggior parte dei cinesi cresce imparando le basi dell’etichetta con le bacchette: tienili a due terzi di distanza; non attaccarli verticalmente nella tua ciotola di riso perché ricorda le offerte di incenso per i defunti; e non succhiarli.

Condividere il cibo con la famiglia e gli amici è altrettanto radicato e servire le bacchette a volte viene visto come una minaccia a quell’espressione di vicinanza. Basta chiedere gli utensili extra può essere imbarazzante perché potrebbe implicare che pensi che i tuoi commensali potrebbero non stare bene.

Sara Jane Ho, nativa di Hong Kong e fondatrice di una scuola di etichetta di alta gamma in Cina, ha detto che quando ospita un pasto, spesso dice di avere un piccolo raffreddore in modo da poter chiedere di servire le bacchette per proteggere tutti gli altri da lei.

Ma anche allora, ha detto, la conformità non è garantita.

“Spesso vedrai le persone servire se stesse e poi dimenticano di cambiare le bacchette e iniziano a mangiare direttamente con la coppia che serve”, ha detto la signora Ho. “Mi dà sempre un mini attacco di cuore.”

Per sostenere il caso del governo, i media statali e gli storici culinari hanno perlustrato la storia cinese alla ricerca di casi in cui servire le bacchette o il piatto individuale fosse la norma. Per 3000 anni fino alla dinastia Tang, secondo i resoconti delle notizie, i cinesi hanno mangiato porzioni separate di cibo. Gli articoli indicano il famoso dipinto pergamena del X secolo, “The Night Revels of Han Xizai“, Che raffigura un ministro del governo e i suoi ospiti che mangiano porzioni di cibo individualmente placcate.

News Hat
Newshat.net is an Italian News and Media Website. Here you get Worldwide News on Sports, Entertainment, Corona Virus, Crime, Hollywood and Bollywood in the Italian Language.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments