Friday, November 27, 2020
Home Corona Virus La strategia di test di Coronavirus di Trump Administration attira preoccupazioni: "This...

La strategia di test di Coronavirus di Trump Administration attira preoccupazioni: “This Is’t the Hunger Games”

La nuova strategia di test dell’amministrazione Trump, rilasciata domenica al Congresso, ritiene che i singoli stati siano responsabili della pianificazione e dell’esecuzione di tutti i test del coronavirus, mentre pianifica di fornire alcune forniture necessarie per i test.

La proposta afferma inoltre che la capacità di sperimentazione esistente, se adeguatamente mirata, è sufficiente per contenere l’epidemia. Ma gli epidemiologi affermano che la quantità di test è di ordini di grandezza inferiori a quelli che molti ritengono necessari per il Paese.

[[Come la pagina Science Times su Facebook. | Iscriviti al Newsletter di Science Times.]

Becker e altri hanno affermato che è ragionevole aspettarsi che gli stati implementino alcuni aspetti dei test, come la designazione di siti di test. Ma l’acquisizione di test implica la dipendenza da catene di approvvigionamento nazionali e internazionali, che sono difficili da percorrere per molti stati.

“Questa è la nostra più grande domanda, questa è la nostra più grande preoccupazione, è la solidità della catena di approvvigionamento, che è fondamentale”, ha dichiarato Becker. “Non puoi lasciare agli Stati di farlo da soli. Questo non è Hunger Games. “

In una dichiarazione congiunta lunedì, relatore Nancy Pelosi; Il senatore Chuck Schumer, il leader democratico; Rappresentante Frank Pallone, presidente democratico del Comitato per l’energia e il commercio della Camera; e il senatore Patty Murray, il democratico in carica nel comitato per la salute del Senato, ha dichiarato che l’amministrazione Trump non si sta assumendo la responsabilità di aumentare la capacità di test nazionali.

“Questo rapporto deludente conferma che la strategia nazionale di test del presidente Trump è di negare la verità che non ci sono abbastanza test e forniture, respingere la responsabilità e scaricare l’onere per gli Stati”, hanno detto i legislatori. “In questo documento, l’amministrazione Trump tenta di nuovo di fare un quadro roseo dei test mentre gli esperti continuano a mettere in guardia il Paese che è molto al di sotto di ciò di cui abbiamo bisogno”.

Gli esperti hanno anche contestato l’affermazione del rapporto secondo cui continuare a testare solo circa 300.000 persone al giorno, prendendo di mira solo quelle che potrebbero essere positive, sarebbe sufficiente per contenere l’epidemia.

“A prima vista, l’idea che 300.000 test al giorno siano sufficienti per l’America è assurda”, ha dichiarato il Dr. Ashish Jha, direttore dell’Harvard Global Health Institute.

Ha offerto una rapida carrellata dei numeri per illustrare l’inadeguatezza della stima. La maggior parte degli ospedali a livello nazionale ora sottopone a test tutti coloro che sono ammessi per qualsiasi motivo, circa 100.000 test ogni giorno, temendo di essere asintomatici e diffondendo comunque il virus. Testare gli 1,6 milioni di residenti nelle case di cura – noti per essere ad alto rischio di infezione da coronavirus – e i lavoratori ogni due settimane richiederebbero 150.000 test in più ogni giorno. Aggiungi luoghi ad alto rischio come gli impianti di confezionamento della carne che necessitano di test regolari e il numero aumenta rapidamente.

“Senza aver testato una sola persona per i sintomi di Covid, esauriremmo rapidamente la nostra intera offerta nazionale di test se tutto ciò che abbiamo sono 300.000 test al giorno”, ha detto.

The H.H.S. rapporto ha osservato che un analisi del Safra Center di Harvard stimato la necessità di oltre tre milioni di test al giorno. Ma il rapporto federale affermava che la stima si basava su ipotesi errate.

Gli autori di Safra che hanno elaborato la stima hanno affermato che il rapporto federale aveva raccolto un semplice esempio dalla loro analisi senza considerare altre prove.

“Abbiamo utilizzato più modelli, ognuno dei quali puntava allo stesso ordine di grandezza”, ha affermato Danielle Allen, direttrice del Centro Safra. “Hanno selezionato un modello non primario in un’appendice e adattato le ipotesi in modo selettivo per generare un numero diverso”.

Il dott. Allen ha affermato che milioni di test giornalieri sarebbero necessari per far sì che il 4% delle persone risultasse positivo al coronavirus, il livello che dicono sia necessario per arrestare la diffusione del virus. L’obiettivo dell’amministrazione, il 10 percento, consentirebbe solo una mitigazione.

“Non esiste un solo paese di cui sia a conoscenza della soppressione della malattia raggiunta con un tasso di positività del 10 percento”, ha affermato.

E 300.000 test giornalieri sarebbero insufficienti anche per la mitigazione, ha detto il dott. Jha, stimando che richiederebbero almeno 900.000 test al giorno.

La proposta lascia inoltre agli Stati gli Stati di pianificare la tracciabilità e l’isolamento dei contatti, identificare rapidamente nuovi gruppi di infezione da coronavirus e adottare nuove tecnologie. Dice che il governo federale sta “sostenendo e incoraggiando” gli Stati a fare molto affidamento sulla guida dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Tuttavia, il C.D.C. è stato lento nel rilasciare indicazioni per gli stati durante questo focolaio, ha affermato il dott. Jha. E l’agenzia ha svelato il suo ruolo nella strategia di test, più recentemente con la scorsa settimana rispolverare la miscela dei risultati del test per infezione attiva con sierologia. “Questo non è il momento brillante di C.D.C.”, ha detto.

News Hat
Newshat.net is an Italian News and Media Website. Here you get Worldwide News on Sports, Entertainment, Corona Virus, Crime, Hollywood and Bollywood in the Italian Language.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments