Monday, June 1, 2020
Home Corona Virus Lo sdegno cresce durante il viaggio di 260 miglia di Boris Johnson...

Lo sdegno cresce durante il viaggio di 260 miglia di Boris Johnson Aide durante il blocco

LONDRA – Il primo ministro Boris Johnson ha dovuto affrontare un torrente di chiamate sabato per licenziare il suo consigliere più influente, Dominic Cummings, dopo aver riferito che il signor Cummings aveva visitato parenti nell’Inghilterra settentrionale mentre era malato di coronavirus, una violazione delle regole di blocco della Gran Bretagna.

Il signor Johnson sembrava determinato a sostenere il signor Cummings, una figura enigmatica che ha aiutato a dominare la sua vittoria elettorale l’anno scorso e la campagna Brexit che ha portato alla partenza della Gran Bretagna dall’Unione europea.

Ma le notizie secondo cui Cummings aveva guidato a casa dei suoi genitori a Durham in aprile, quando il governo stava esortando le persone a rimanere a casa – in particolare quelle con sintomi del virus – scatenarono una tempesta politica, con i critici che lo accusavano di infrangere le regole che si applicano a tutti gli altri.

“Il popolo britannico non si aspetta che ci sia una regola per loro e un’altra per Dominic Cummings”, ha detto un portavoce del Partito laburista dell’opposizione, che ha aggiunto di aver “violato le regole di blocco”.

I leader di altri due partiti dell’opposizione, i liberaldemocratici e il partito nazionale scozzese, hanno chiesto che si dimettesse o fosse licenziato.

Di fronte ai giornalisti fuori casa sabato, Cummings ha dichiarato: “Mi sono comportato in modo ragionevole e legale”. Alla domanda se la sua decisione fosse stata “una bella figura”, ha risposto: “Chi se ne frega della bellezza? È una questione di fare la cosa giusta. Non si tratta di quello che pensate voi ragazzi. ”

Le furiose reazioni al suo viaggio attestano il ruolo polarizzante che Cummings ha svolto nella politica britannica da prima del referendum sulla Brexit del 2016. Ha accumulato una lunga lista di nemici, compresi alcuni nel Partito conservatore, come Iain Duncan Smith, un ex leader del partito, che ha ridicolizzato o messo da parte.

Ma ha anche dimostrato la profonda dipendenza di Mr. Johnson da Mr. Cummings. Il primo ministro ha scavato alle calcagna sabato, rilasciando una dichiarazione, attraverso un portavoce, che ha difeso il signor Cummings e sua moglie per aver fatto il viaggio di 260 miglia a Durham. Diceva che avevano cercato di allinearsi per il loro bambino dopo che aveva contratto il virus e si aspettava che si sarebbe ammalato.

Il consigliere andò in una casa “vicino ma separata dalla sua famiglia allargata”, affermava la dichiarazione, dopo che sua sorella e sua nipote si erano offerte di aiutare.

“Le sue azioni erano in linea con le linee guida del coronavirus”, afferma la nota.

In tal caso, tuttavia, il signor Cummings sembrava desideroso di non rivelare il viaggio. Sua moglie, la giornalista Mary Wakefield, ha scritto un resoconto della malattia di suo marito in The Spectator che non faceva menzione della loro spinta e suggeriva che era stato costretto a letto per 10 giorni a casa con una “febbre alta e spasmi che facevano ingrossare i muscoli e contrarsi nelle gambe”.

Mr. Cummings lui stesso ha descritto essere stato rinchiuso con la signora Wakefield, che aveva anche sintomi, per più di due settimane, a partire dalla fine di marzo, quando contrasse il virus subito dopo il signor Johnson.

Le violazioni del blocco da parte di personalità di spicco sono diventate un tema ricorrente in Gran Bretagna, con le sanzioni che si riducono maggiormente ai cittadini privati ​​e agli esperti scientifici che ai funzionari governativi.

“So quanto ti coronavirus malato,” Il signor Hancock ha twittato. “Era assolutamente giusto che Dom Cummings trovasse assistenza all’infanzia per il suo bambino, quando sia lui che sua moglie si stavano ammalando”.

Altri rimasero in silenzio, tuttavia, forse aspettando di vedere se il signor Cummings potesse cavalcare la tempesta.

Mentre il Partito Laburista ha chiesto risposte, ha smesso di chiedere le sue dimissioni. Ciò sembrava riflettere un giudizio tattico del leader del partito, Keir Starmer, secondo cui l’episodio avrebbe causato più danni al governo, che è già sulla difensiva per la sua gestione del virus, se fosse trascinato fuori per diversi giorni.

E le critiche non provenivano solo dai politici dell’opposizione.

Julia Hartley-Brewer, un’emittente e giornalista che generalmente si appoggia politicamente alla destra, ha descritto come fosse stata separata dalla madre di 77 anni, che vive da sola e ha subito un infarto a dicembre.

News Hat
Newshat.net is an Italian News and Media Website. Here you get Worldwide News on Sports, Entertainment, Corona Virus, Crime, Hollywood and Bollywood in the Italian Language.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments