Wednesday, October 28, 2020
Home Corona Virus "Surreale": com'è guidare una moto per New York proprio ora

“Surreale”: com’è guidare una moto per New York proprio ora

Quando Giorgio Milella, un graphic designer, iniziò a lavorare da casa a metà marzo, capì come rompere il tedio: lasciando il suo appartamento di Harlem e colpendo le strade vuote sulla sua moto.

“La prima settimana, ero tipo, è fantastico. Scendendo lungo la Fifth Avenue e non ci sono macchine ”, ha ricordato il signor Milella, 33 anni, che una volta era in grado di catturare un’ondata di luci verdi dal West Village alla 135th Street.

Ma gradualmente l’esperienza, che ha definito “surreale”, ha iniziato a cambiare per lui. “Sono stato tipo, c’è qualcosa di sbagliato in tutto questo scenario”, ha detto. “Perché non sto a casa?”

Dal momento che la pandemia ha ampiamente ripulito le strade di New York, pochi motociclisti sono stati in grado di ignorare la singolare opportunità irripetibile: sfrecciare per la città senza fastidi che possono rendere la guida qui così frustrante e esperienza pericolosa: guidatori distratti, taxi in corsa, traffico sclerotico. Tutto questo, ed è anche primavera.

“Grazie a Dio per la quarantena”, ha dichiarato Mateo Pagan, 27 anni, che si è unito a un enorme gruppo di acrobazie su motociclette, ATV e dirt bike nel fine settimana di Pasqua per guidare la sua dirt bike Honda. “Manhattan era come il nostro parco giochi”, ha detto.

Ma molti altri motociclisti si sentono in conflitto. “Questo dovrebbe essere il nirvana per noi in questo momento”, ha detto Cheryl Stewart, 57 anni, un membro fondatore del Club motociclistico femminile di Sirens, “ma una corsa di piacere sembra egoista.”

Con gli ospedali e gli operatori sanitari sovraccarichi, un incidente non significa solo attingere a risorse disperatamente necessarie altrove, ma anche un trattamento potenzialmente letale ritardi, oltre all’esposizione al virus. Per molti motociclisti, profondamente consapevole del fatto che si tratta sempre di quando, non se si schiantano, è un rischio irragionevole da aggiungere a un’attività già rischiosa.

Alcuni cavalieri hanno frenato le loro abitudini. Vassili Shishkin, un direttore finanziario, di solito guida la sua Ducati ogni giorno. “E ne sono orgoglioso”, ha detto. “È la mia più grande passione. Ho guidato tutto l’inverno, sotto la pioggia, il freddo, il clima gelido. ” All’inizio della pandemia, ha continuato a cavalcare, definendolo “un piacere colpevole”.

Ma dopo aver ascoltato i notiziari, la gravità della situazione ha iniziato ad affondare e il signor Shishkin, 40 anni, “è stato spaventato”, ha detto. Ora cavalca solo una volta alla settimana – a malincuore – per raccogliere materiale per il suo Ducati vlog.

Altri motociclisti, tuttavia, sono felici di avere una scusa legittima per guidare. Jan Eggers, 45 anni, considerato un lavoratore essenziale perché è un portiere, si reca a Manhattan da Montvale, nel New Jersey, sulla sua BMW F850GS, una bici da avventura.

“È stato felice. Invece di essere ultra-difensivo, puoi davvero goderti il ​​tuo tempo “, ha detto Eggers.

“La scorsa settimana, venerdì, stavo andando a casa ed era ventoso ma cristallino. Salii sulla West Side Highway e potevi vedere il fiume Hudson, il ponte GW e oltre che le palizzate da una parte e Yonkers dall’altra ”, ha detto. “Sono stato colpito dalla pura bellezza. In una giornata normale, sarei preoccupato per questo ragazzo con tre macchine davanti a guardarsi alle spalle “.

Sebbene molti gruppi di motociclisti non siano stati così appariscenti dal viaggio di Pasqua, la città è recentemente intervenuta in una situazione affollata a Shore Boulevard ad Astoria, nel Queens, un popolare luogo di ritrovo per motociclisti.

“Il distretto locale ha deciso di posizionare barricate alle estremità del Boulevard per limitare completamente l’accesso dei veicoli”, ha dichiarato Anthony Liberatoscioli, presidente dell’Astoria Park Alliance. “Ma la festa continua.”

In un fine settimana di fine aprile, Brandon Garcia, 22 anni, era tra i motociclisti in giro per le nuove barricate. “La maggior parte delle persone che conosco sono ancora in sella”, ha detto Garcia. “Siamo in una chat di gruppo e tutti dicono” Chi cavalca, chi cavalca? “Le persone sono estatiche. È come una pista dello Stato di New York, gratis “.

Anche così, il signor Garcia ha detto che stava guidando più cautamente in questi giorni. “Gli ospedali sono affollati e le ambulanze occupate”, ha detto. “Probabilmente non se ne cureranno nemmeno se sentiranno” incidente motociclistico “alla radio.”

Altri motociclisti stanno sfruttando le strade vuote per aiutare i loro compagni newyorkesi. Kirsten Midura, 34 anni, ha deciso di organizzare i cavalieri in una rete di consegne volontarie, portando P.P.E., cibo e altre forniture ai lavoratori essenziali.

“Riconosco che le persone saranno comunque sulla loro bici”, ha detto la signora Midura. “È un’ottima forma di terapia e di allontanamento sociale”.

Mathew Adreini, manager di Jane Motorcycles, ha affermato che i suoi spostamenti lo aiutano sicuramente a ridurre lo stress in questi giorni. Ma la sua esperienza della città è stata modificata, e non necessariamente in senso positivo.

“Vedi la distesa del virus”, ha detto Adreini, 32 anni. “Quando percorri la Fifth Avenue, a volte tutto ciò che vedi è la Guardia Nazionale, i poliziotti e i senzatetto.”

La novità svanisce rapidamente, ha aggiunto Adreini. “Non mi sono trasferito a New York City per andare in moto. È tutto il resto che rende New York New York “.

News Hat
Newshat.net is an Italian News and Media Website. Here you get Worldwide News on Sports, Entertainment, Corona Virus, Crime, Hollywood and Bollywood in the Italian Language.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments